Il cristiano porta la luce

Papa Francesco invita gli uomini di buona volontà ad essere poveri in spirito, miti, puri di cuore, e misericordiosi... per essere "il sale della terra e la luce del mondo"

Citta' del Vaticano, (Zenit.org) Antonio Gaspari | 438 hits

Erano passate le 12.00 quando papa Francesco ha chiesto al popolo festante presente in piazza san Pietro a Roma: “Come volete vivere voi? Come una lampada accesa o come una lampada spenta?" e la gente ha risposto:  “Accesa!”

Il Pontefice ha replicato “E’ proprio Dio che ci dà questa luce e noi la diamo agli altri. Lampada accesa! Questa è la vocazione cristiana”.

Il vescovo di Roma ha preso spunto dal Vangelo della domenica dove Gesù dice ai suoi discepoli: "Voi siete il sale della terra … Voi siete la luce del mondo" (Mt 5,13.14).

I discepoli erano pescatori, gente semplice… Ma, secondo papa Francesco, Gesù li guardaìò con gli occhi di Dio e  gli disse “se sarete poveri in spirito, se sarete miti, se sarete puri di cuore, se sarete misericordiosi… voi sarete il sale della terra e la luce del mondo!”

Per capire il contesto bisogna tenere presente che la Legge ebraica prescriveva di mettere il sale nelle offerte presentate a Dio, come “segno di alleanza”.

E la luce era per Israele il simbolo della rivelazione messianica che trionfa sulle tenebre del paganesimo.

“I cristiani, nuovo Israele - ha sottolineato il Pontefice -, ricevono dunque una missione nei confronti di tutti gli uomini: con la fede e con la carità possono orientare, consacrare, rendere feconda l’umanità”.

Il Papa ha invitato i battezzati a diventare “discepoli missionari” e essere nel mondo come “un vangelo vivente”, portando “sapore nei diversi ambienti”, difendendoli dalla corruzione, e testimoniando la carità come luce di Cristo.

“Se noi cristiani perdiamo sapore e spegniamo la nostra presenza di sale e di luce, - ha precisato il papa - perdiamo l’efficacia”.

Ed ancora; “Se il cristiano spegne questa luce, la sua vita non ha senso: è un cristiano di nome soltanto, che non porta la luce, una vita senza senso”.

“E’ bella la missione di dare luce al mondo! – ha aggiunto il Pontefice - E’ anche molto bello conservare la luce che abbiamo ricevuto da Gesù, custodirla, conservarla”.

“Il cristiano – ha concluo papa Francesco - dovrebbe essere una persona luminosa, che porta luce, che sempre dà luce! Una luce che non è sua, ma è il regalo di Dio, è il regalo di Gesù. E noi portiamo questa luce”.