Il discernimento e altre arti rare

Un invito al deserto dei Padri

Roma, (Zenit.org) Robert Cheaib | 423 hits

I Padri del deserto sono un tesoro inesauribile, non solo di spiritualità e di sapienza celeste, ma anche di chiaroveggenza psichica e di acribia terrena. Ciò che distingue i loro apoftegmi è, per così dire, l’astinenza dalla speculazione pura. Essi parlano a partire dall’esperienza e rivolgendosi a essa. I loro detti, brevi e incisivi, sono un condensato oracolare che mantiene una luce capace di attraversare i tempi e di illuminare anche l’uomo d’oggi. Certo, vari aspetti e accenti della loro spiritualità sembrano ormai datati, anzi, inadeguati, ma l’afflato di fondo, quello della radicalità evangelica è fresco e attuale più che mai.

Seppure la spiritualità e i detti dei Padri del deserto non siano estranei al pubblico italiano, il recente volume – I Padri del deserto, Detti. Collezione sistematica, Qiqajon, Comunità di Bose – costituisce una grande novità editoriale in quanto presenta la prima traduzione italiana della collezione sistematica. L’edizione è arricchita da una documentata e dotta introduzione di Luigi d’Ayala Valva, monaco di Bose, che cura anche un ricco apparto di note per ogni capitolo.

I 21 capitoli tematici spaziano su varie tematiche essenziali per la vita del monaco, ma non marginali neppure per la vita di ogni cristiano. Si parla infatti di temperanza, della vigilanza spirituale, del discernimento, dell’obbedienza, dell’umiltà, della carità…

Parlando di discernimento, i Padri del deserto vedono in questa virtù/arte lo strumento indispensabile per la perseveranza nella lotta spirituale. Antonio il grande, infatti, racconta con rammarico che «vi sono persone che hanno logorato il proprio corpo nell’ascesi e che, non avendo avuto discernimento, hanno finito per allontanarsi da Dio».  I Padri del deserto erano convinti, infatti, che lo Spirito del Signore è Spirito di armonia e di misura e che «ciò che è senza misura, è dal diavolo» (Abba Poimen). Per questo Abba Antonio esorta a vigilare sulla moderazione e sullo zelo negli sforzi ascetici, per poter perseverare senza perdere le forze.

Un altro aspetto molto prezioso della loro spiritualità è la necessità della prassi per la vita spirituale. Nella vita dello Spirito, infatti, si capisce ciò che si fa. Da qui il geniale assioma blondeliano: fac et videbis (fa’ e vedrai). A questo proposito, sempre abba Poimen dice: «Un uomo che insegna e non fa ciò che insegna somiglia a una sorgente che dà da bere e lava tutti, ma non può purificare se stessa, anzi nasconde in sé ogni sorta di sporcizia e d’impurità». L’Abba era convinto che uno dei segreti di una sana vita spirituale è questo: «Insegna al tuo cuore a custodire ciò che la tua lingua insegna». Mentre, secondo la testimonianza di Cassiano, Abba Giovanni – quando gli hanno chiesto, sul punto di morire, «una breve parola di salvezza» – ha insegnato quanto segue: «Non ho mai fatto la mia propria volontà, né ho mai insegnato a nessuno qualcosa che non avessi fatto prima io stesso».

*

Il libro è disponibile su questo link: http://tinyurl.com/qiqajon407