"Il Governo ascolti gli appelli di papa Francesco"

Il Santo Padre, "testimone di giustizia sociale", incalza la coscienza di un sindacalista e dei politici

Roma, (Zenit.org) Redazione | 294 hits

L’attenzione di papa Francesco nei confronti dei poveri, nonché i suoi continui richiami ad occuparsi di loro incalzano le coscienze. Domenica scorsa, durante la recita dell’Angelus, il Santo Padre ha rilevato che il nostro atteggiamento, dinanzi a persone bisognose, è spesso quello di voltarci dall’altra parte. Un atteggiamento egoista che - ha aggiunto il Pontefice - “non è di Gesù”.

Parole che, secondo il segretario generale dell’Ugl, Geremia Mancini, “non possono cadere nel vuoto”. Mancini ha inoltre aggiungo: “Nessuno più di un sindacalista, che ha in custodia le sofferenze e le tutele dei più deboli, deve sentirsi da vero ‘ambasciatore della fame’ chiamato in causa accogliendo le parole del Santo Padre come quelle di un ‘testimone’ di giustizia sociale”.

“Così come – afferma in conclusione Mancini – l’ingrossarsi delle fila di sempre nuovi e disperati poveri deve indurre anche il governo ad una reazione e soprattutto ad una immediata coraggiosa e dovuta inversione di marcia nell’agenda delle sue priorità, in cima alla quali deve tornare il lavoro”.