Il Papa a mons. Marchetto: "La considero il migliore ermeneuta del Concilio"

La lettera del Pontefice all'arcivescovo, grande studioso del Vaticano II, in occasione della presentazione del libro edito dalla LEV in suo onore

Roma, (Zenit.org) | 1284 hits

Pubblichiamo di seguito la Lettera inviata da Papa Francesco all’arcivescovo Agostino Marchetto, segretario del Pontificio Consiglio per la Pastorale dei migranti e gli itineranti, canonista, giurista e grande studioso del Concilio Vaticano II. La lettera al presule era stata inviata il 7 ottobre 2013, ma è stata resa pubblica il 12 novembre, in occasione della presentazione in Campidoglio del libro edito dalla LEV, dal titolo “Primato pontificio ed episcopato. Dal primo millennio al Concilio ecumenico Vaticano II - Studi in onore dell’arcivescovo Agostino Marchetto”. Di seguito il testo integrale della missiva.

***

Caro Mons. Marchetto,

Con queste righe desidero farmi a Lei vicino e unirmi all’atto di  presentazione del libro: “Primato pontificio ed episcopato. Dal primo millennio al Concilio ecumenico Vaticano II”. Le chiedo che mi senta spiritualmente presente.

La tematica del libro è un omaggio all’amore che Ella porta alla Chiesa, un amore leale e al tempo stesso poetico. La lealtà e la poesia non sono oggetto di commercio: non si comprano né si vendono, sono semplicemente virtù radicate in un cuore di figlio che sente la Chiesa come Madre; o per essere più preciso, e dirlo con ”aria” ignaziana di famiglia, come “la Santa Madre Chiesa gerarchica”.

Questo amore Lei lo ha manifestato in molti modi, incluso correggendo un errore o imprecisione da parte mia, – e di ciò La  ringrazio di cuore –, ma soprattutto si é manifestato in tutta la sua purezza negli studi fatti sul Concilio Vaticano II.

Una volta Le ho detto, caro Mons. Marchetto, e oggi desidero ripeterlo, che La considero il migliore ermeneuta del Concilio Vaticano II. So che é un dono di Dio, ma so anche che Ella lo ha fatto fruttificare. 

Le sono grato per tutto il bene che Lei ci fa con la sua testimonianza di amore alla Chiesa e chiedo al Signore che ne sia ricompensato abbondantemente.
Le chiedo per favore che non si dimentichi di pregare per me.
 Che Gesù La benedica e la Vergine Santa La protegga.

Vaticano 7 Ottobre 2013


Fraternamente,
Francesco