Il Papa a San Gregorio al Celio per il millenario dei Camaldolesi

La celebrazione in concomitanza con la visita dell'Arcivescovo di Canterbury

| 1126 hits

CITTA’ DEL VATICANO, giovedì, 8 marzo 2012 (ZENIT.org) – Papa Benedetto XVI ha accettato l’invito a recarsi sabato prossimo, 10 marzo, presso il monastero di San Gregorio al Celio, in concomitanza con il millenario dalla fondazione della Casa Madre dei Camaldolesi e della visita dell’arcivescovo di Canterbury, Rowan Williams.

Il Santo Padre ha assicurato la sua presenza, “memore anche del Transito di San Gregorio Magno e degli storici legami che vincolano la comunità monastica e la Comunione Anglicana”, si legge nella Lettera della Segreteria di Stato dello scorso 12 gennaio in cui veniva confermato l’evento.

La Festa liturgica di San Gregorio si anticipa e si celebra domenica 11 Marzo, con i Primi Vespri presieduti dal Santo Padre, sabato 10 Marzo alle ore 17.30.

Questa celebrazione, in concomitanza con la visita di Sua Grazia l’Arcivescovo di Canterbury, Rowan Williams, che sarà ricevuto in udienza dal Papa in Vaticano nella mattina dello stesso sabato, si inserisce nella tradizione, sia pure recente, di ben due Incontri di preghiera ecumenica celebrati insieme dal Beato Papa Giovanni Paolo II e dai successivi Arcivescovi di Canterbury Robert Runcie (30 settembre 1989) e George Carey (5 dicembre 1996), con grande frutto spirituale delle due parti.

Domenica 11 Marzo alle ore 16 avrà luogo una Conferenza intitolata: Monachesimo e Ecumenismo alla quale l’Arcivescovo di Canterbury è ospite d’onore e terrà un intervento intitolato: Virtù monastiche e speranze ecumeniche.

Dom Robert Hale, Priore di New Camaldoli, risponderà con un intervento intitolato: I legami che uniscono la comunità monastica di San Gregorio al Celio con Canterbury e con la Comunione Anglicana.