Il Papa chiede aiuto per chi dedica la vita alla contemplazione

In particolare, le religiose di clausura

| 992 hits

CITTA' DEL VATICANO, domenica, 22 novembre 2009 (ZENIT.org).- Benedetto XVI ha chiesto aiuto questa domenica per quanti dedicano al propria vita alla contemplazione nei monasteri di clausura.

L'appello del Pontefice arriva il giorno dopo la memoria liturgica dedicata alla Presentazione della Beata Vergine Maria al Tempio, Giornata pro orantibus, in favore delle comunità religiose di clausura.

Il Santo Padre ha invitato tutti a sostenerle nelle loro necessità e ha rivolto un pubblico ringraziamento in particolare alle monache che si sono avvicendate nel piccolo Monastero di clausura che Giovanni Paolo II ha fondato in Vaticano.

In questa comunità sono appena giunte le religiose Visitandine, che succedono a Clarisse, Carmelitane e Benedettine.

"La vostra preghiera, care sorelle, è molto preziosa per il mio ministero", ha detto il Papa.

I monasteri femminili sono presenti in tutti i continenti. Secondo le stime più recenti fornite dalla Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, alla quale è strettamente collegato il Segretariato assistenza monache, i monasteri sono 2.635 in Europa, 802 in America Latina, 301 in Asia, 279 in America del Nord, 140 in Africa, 21 in Oceania. Nella sola Italia se ne contano 545.

La presenza dei monasteri si va adeguando sempre più alla mutata condizione dei tempi e a una ripresa delle vocazioni femminili alla vita claustrale che si registra ormai da una ventina d'anni.