Il Papa e il Presidente dell'Albania per la pace in Kosovo

Visita in Vaticano di Bamir Topi

| 1022 hits

Di Jesús Colina

CITTA' DEL VATICANO, giovedì, 6 dicembre 2007 (ZENIT.org).- La necessità di assicurare la pace in Kosovo è stato uno degli argomenti al centro dell'udienza concessa questo giovedì da Benedetto XVI al Presidente della Repubblica d’Albania, Bamir Topi.

Il Presidente Topi ha incontrato successivamente il Segretario di Stato, il Cardinale Tarcisio Bertone, accompagnato dal Segretario per i Rapporti con gli Stati, l’Arcivescovo Dominique Mamberti.

“Il Presidente – si legge in un comunicato diffuso dalla Santa Sede – ha voluto manifestare gratitudine alla Chiesa Cattolica per il contributo offerto alla popolazione albanese, soprattutto attraverso le istituzioni educative ed assistenziali, felicitandosi altresì dei recenti Accordi sottoscritti in ambito sanitario e fiscale ed auspicando che tale collaborazione possa continuare, anche dal punto di vista culturale e spirituale”.

Topi ha informato il Papa e i suoi collaboratori “sui recenti passi compiuti dal Governo albanese per risolvere i maggiori problemi del Paese, instaurare uno Stato di diritto e procedere verso l’integrazione europea”.

“Sono state, infine, trattate alcune questioni bilaterali e regionali, soffermandosi sulla necessità che, in merito all’assetto giuridico definitivo del Kosovo, siano tenute in conto le richieste fondamentali delle Parti e venga scongiurato qualsiasi ricorso alla violenza”, conclude il comunicato vaticano.

La troika delle Nazioni Unite (composta da Unione Europea, Russia e Stati Uniti), che ha portato avanti i negoziati con Belgrado e Pristina per raggiungere un accordo sull’indipendenza del Kosovo e stabilire le necessarie intese tra i due Paesi, presenterà presto un rapporto al Segretario generale dell'Onu e poi al Consiglio di Sicurezza.

La popolazione albanese conta 3.150.000 abitanti, di cui 509.000 cattolici; mentre l'84,4% è formato da musulmani.