Il Papa: i grandi valori si trasmettono nell'incontro delle culture

Ricorda nell’udienza generale dedicata a Boezio e Cassiodoro

| 673 hits

CITTA' DEL VATICANO, mercoledì, 12 marzo 2008 (ZENIT.org).- Benedetto XVI ritiene che la sfida del momento presente sia l'esigenza di riconciliare le culture per insegnare alle nuove generazioni i grandi valori della fede e della convivenza umana.

Lo ha sottolineato nell'udienza generale di questo mercoledì, svoltasi nella Basilica Vaticana e nell'Aula Paolo VI, nella quale ha riproposto gli insegnamenti dei due scrittori ecclesiastici: Boezio (480-524) e Marco Aurelio Cassiodoro (nato verso il 485 e morto verso il 580).

Entrambi hanno vissuto nel V secolo e sono stati impegnati anche nella vita politica, volendo mostrare la ricchezza del Vangelo, servendosi delle categorie classiche (greca e romana), alle culture nascenti dei popoli barbari.

"Viviamo anche noi in un tempo di incontro delle culture, di pericolo della violenza che distrugge le culture, e del necessario impegno di trasmettere i grandi valori e di insegnare alle nuove generazioni la via della riconciliazione e della pace", ha spiegato il Santo Padre.

"Questa via troviamo orientandoci verso il Dio con il volto umano, il Dio rivelatosi a noi in Cristo", ha aggiunto.

Il Papa ha raccolto l'insegnamento che i due autori lasciano ai cristiani sommersi nel mondo contemporaneo, ripetendo queste parole di Cassiodoro: "Cercate anzitutto di garantirvi l'aiuto salutare suggerito dal primo salmo che raccomanda di meditare notte e giorno la legge del Signore. Il nemico non troverà infatti alcun varco per assalirvi se tutta la vostra attenzione sarà occupata da Cristo".

"È un ammonimento che possiamo accogliere come valido anche per noi", ha concluso il Papa.