Il Papa invita i giovani a sognare le grandi cose che Dio vuole per loro

Messaggio per il pellegrinaggio dei giovani francesi a Lourdes e Jambville

| 1085 hits

CITTA' DEL VATICANO, domenica, 27 aprile 2008 (ZENIT.org).- Benedetto XVI ha esortato i giovani a desiderare le grandi cose che Dio ha pensato per loro.

E' la proposta che presenta in un messaggio inviato ai 10.000 ragazzi e ragazze tra i 15 e i 17 anni che dal 22 al 27 aprile hanno celebrato a Lourdes il centenario del "Frat" (Fraternel), pellegrinaggio dei giovani della provincia di Parigi che si raduna ogni anno, alternativamente nella città mariana e a Jambville, luogo di raduno degli scout. 

In occasione del loro soggiorno nel luogo delle apparizioni della Vergine Maria a Bernadette Soubirous, 150 anni fa, il Papa ricorda ai giovani che Cristo li rende degni della sua fiducia e auspica che possano realizzare i loro desideri più nobili e più elevati di autentica felicità.

Questa felicità è in primo luogo un dono di Dio che si riceve intraprendendo i cammini inaspettati della sua volontà, esigenti ma anche fonte di gioia profonda, aggiunge il testo, indirizzato all'Arcivescovo di Parigi, il Cardinale André Vingt-Trois, presidente della Conferenza Episcopale Francese. 

Il nostro "sì" a Dio genera la fonte della vera gioia: questo "sì" libera il proprio io da tutto ciò che racchiude in sé. Fa sì che la povertà della nostra vita penetri nella ricchezza e nella forza del progetto di Dio, senza eliminare la nostra libertà né la nostra responsabilità.

"Apre il nostro piccolo cuore alle dimensioni della carità divina, che sono universali. Conforma la nostra vita alla vita di Cristo, in cui siamo entrati con il nostro Battesimo", sottolinea. 

Il Papa ha infine rivolto un appello ai giovani riuniti a Lourdes.

"Che quanti tra voi sentono la chiamata a seguirlo nel sacerdozio o nella vita consacrata, seguendo la linea tracciata da molti giovani che hanno partecipato al 'Frat', rispondano 'sì' all'invito del Signore a mettersi totalmente al servizio della Chiesa, in una vita del tutto dedicata al Regno dei Cieli - ha concluso -. Non rimarranno delusi".