Il Patriarca di Venezia in pellegrinaggio a Mestre

Il 1° dicembre si svolgerà il terzo dei pellegrinaggi mariani diocesani che mons. Moraglia guiderà ogni primo sabato del mese per l'Anno della Fede

| 682 hits

MESTRE, giovedì, 29 novembre 2012 (ZENIT.org) - Percorrerà l’area centrale di Mestre, attraversando o lambendo i luoghi più antichi e che raccontano le più remote testimonianze di fede di questa città, il terzo dei pellegrinaggi mariani diocesani guidati dal Patriarca mons. Francesco Moraglia - e con la costante presenza della comunità del Seminario - la mattina di ogni primo sabato del mese, durante quest’Anno della Fede.

L’appuntamento è per sabato 1 dicembre, alle 7.30, quando ci si ritroverà dietro la chiesa intitolata alla Madonna della Salute in via Torre Belfredo a Mestre, presso il giardinetto della casa di riposo "Antica Scuola dei Battuti" (ingresso da via Spalti). Il pellegrinaggio mariano partirà dal luogo in cui anticamente una confraternita di laici, quella di S. Maria dei Battuti, aveva costruito un "hospitale" che, già dal XIV secolo, accoglieva anziani e ammalati, assisteva i poveri, gli orfani, le ragazze senza dote, i pellegrini di passaggio per Mestre.

Da lì comincerà appunto la processione, recitando il Rosario e seguendo un itinerario che, entrando nei confini del vecchio castello (e proprio di fianco alla chiesa cominciavano gli "spalti" della città murata), lungo via Torre Belfredo, raggiungerà via S. Girolamo dove si trova la più antica chiesa di Mestre.

Attraverso via San Pio X (e uscendo, perciò, dai confini del castello), la processione dei fedeli toccherà quindi via Fapanni e per via Allegri entrerà in piazza Ferretto, dove si trovava l'antico borgo di San Lorenzo, al di fuori della città murata.

Nel Duomo di S. Lorenzo, intorno alle ore 8.15, mons. Francesco Moraglia presiederà la S. Messa; in chiesa alcuni sacerdoti saranno, inoltre, a disposizione per le confessioni. Alle 9.15 circa l’iniziativa si concluderà con la colazione, da consumare insieme nella corte della canonica.