Il patriarca ecumenico Bartolomeo a Milano

Al centro della visita dell'arcivescovo di Costantinopoli, in programma il 15 e il 16 maggio, la lectio magistralis con il cardinale Scola

Milano, (Zenit.org) | 596 hits

Questa storica ed eccezionale visita del leader religioso, punto di riferimento della comunione della Chiesa ortodossa, costituisce il momento centrale delle celebrazioni volute dalla Diocesi ambrosiana per il 17° centenario della firma dell’Editto di Milano che sancì l’inizio della libertà religiosa nell’Impero Romano.

L’arrivo in Italia del patriarca Bartolomeo è previsto per la tarda mattinata di martedì 14 quando – all’aeroporto di Malpensa - verrà accolto dall’Arcivescovo di Milano il cardinale Angelo Scola insieme ad una delegazione della Chiesa ambrosiana e dai rappresentanti delle autorità civili.

Mercoledì 15 alle ore 11.00 Bartolomeo presiederà la preghiera ortodossa in Santa Maria Podone (Milano, piazza Borromeo), una delle chiese cattoliche più antiche della città concessa in uso - nell’ottobre 2012 - dalla Diocesi ambrosiana alla Comunità greca ortodossa. Al termine della celebrazione liturgica, alla quale parteciperà anche il cardinale Scola, il Patriarca rivolgerà un suo intervento alla Comunità e ai presenti.

La giornata di mercoledì 15 proseguirà con un incontro di altissimo valore religioso e anche civile. Alle ore 17.30 si svolgerà nella sala delle Cariatidi a Palazzo Reale una lectio magistralis a due voci: il patriarca Bartolomeo e l’Arcivescovo cardinale Scola dialogheranno a partire dal testo di Giovanni “Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi” (Gv 8,32). La loro riflessione tratterà del significato - nelle società contemporanee plurali e meticcie - del tema della libertà religiosa che proprio nell’Editto firmato a Milano dagli imperatori Costantino e Licinio nel 313 d.C., ebbe il primo tentativo di riconoscimento.

Giovedì 16 maggio alle ore 11.00, nella Basilica di Sant’Ambrogio, Bartolomeo e il cardinale Scola presiederanno insieme una celebrazione ecumenica animata dai canti del Coro bizantino del Conservatorio di Acharnes e dalla cappella musicale del Duomo di Milano. Al termine della celebrazione il cardinale Scola e il patriarca Bartolomeo scenderanno nella cripta per la venerazione delle spoglie di sant’Ambrogio e dei santi Gervaso e Protaso, venerazione che accomuna sia i cattolici che gli ortodossi.

Per partecipare alla lectio magistralis di mercoledì 15 e alla celebrazione ecumenica di giovedì 16, il cui ingresso è libero,  è necessario iscriversi (www.chiesadimilano.it).

Ad accompagnare la visita a Milano del patriarca Bartolomeo sarà presente monsignor Brian Farrell, segretario del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani.

Bartolomeo I (Dimitrios Archontonis alla nascita, avvenuta il 29 febbraio 1940 nell’isola di Imbro in Turchia) è stato eletto il 22 ottobre 1991 dal Santo Sinodo Arcivescovo di Costantinopoli e Patriarca ecumenico. Il Patriarcato ha sede a Istanbul, l’antica Bisanzio, che Costantino nel 330 rifondò come “Nova Roma” e che prese il nome di Costantinopoli. Il Patriarca ecumenico ha il primo posto di onore presso le Chiese Ortodosse.