"Il Pd deve mettersi in discussione. Bersani farà la sua parte, e noi con lui"

Il neodeputato, Edoardo Patriarca (presidente Cnv), detta le priorità: riforma della legge elettorale, riduzione del numero dei parlamentari e sostegno a poveri, giovani, famiglie

Roma, (Zenit.org) | 704 hits

All’indomani del voto, Edoardo Patriarca, presidente del Centro nazionale per il volontariato e dell’Istituo italiano della donazione, neo-eletto alla Camera per il Pd, commenta così l’esito delle elezioni politiche. “A bocce ferme credo sia utile fare un commento, onesto. Senza politicismi furbi e generici”, dice Patriarca.

“È chiaro che hanno vinto il Movimento 5 stelle e, incredibilmente, il Pdl, dato per spacciato solo un mese fa. La distanza tra il Pd e il Pdl alla Camera è di circa un milione e 300mila voti. Troppo pochi, nonostante un premio di maggioranza stratosferico. Scenario che veniva tratteggiato, peraltro, già dalle rilevazioni di venerdì scorso. Penso che una riflessione dentro al Pd vada fatta, senza rete. Un partito che si deve mettere in discussione e si deve interrogare fino in fondo. Non sarà lo Stato a salvarci, ma la tenuta dei bilanci familiari e quella degli imprenditori che nonostante la crisi  credono al loro mestiere. La nostra Repubblica è fondata sul lavoro, ma solo se questo lavoro verrà realmente generato. Verità semplice, ma spesso dimenticata o che
rischia di essere affogata nelle vecchie ideologie”.

“Andrò in Parlamento, il 15 si terrà la prima seduta”, prosegue Patriarca. “Spero davvero che coloro che hanno la responsabilità dell’esercizio della leadership facciano il loro dovere. Bersani è una persona seria, farà la sua parte. E noi insieme con lui. E spero di potervi raccontare (dopo cento giorni? un anno?) che abbiamo rifatto la legge elettorale, ridotto il numero dei parlamentari, rivisto i compiti delle istituzioni intermedie (vedi Province), dato un aiuto concreto alle famiglie e ai poveri, sostenuto coloro che vogliono intraprendere, i nostri giovani soprattutto. Vi terrò costantemente aggiornati. Per il momento, grazie di cuore per il sostegno in queste
settimane di campagna elettorale”.