"Il peccato dell'angelo"

Il trattato di Jacques Maritain è uscito per i tipi di Città Nuova in prima traduzione italiana

Roma, (Zenit.org) | 378 hits

Jacques Maritain (Parigi, 18 novembre 1882 – Tolosa, 28 aprile 1973), autore di più di 60 opere, è generalmente considerato come uno dei massimi esponenti del neotomismo nei primi decenni del XX secolo e uno tra i più grandi pensatori cattolici del secolo. Nel 1956 compone il trattato Il peccato dell’angelo, pubblicato a puntate sulla rivista Revue Thomiste. Per Maritain, gli angeli sono esseri liberi e persone create, che come la creatura umana portano in se la possibilità di peccato, poiché Dio non può fare una creatura naturalmente impeccabile, che si tratti dell’angelo o dell’uomo. Il peccato dell’angelo, secondo Maritain, mostra la libertà dell’angelo nel suo stato originale senza le passioni che oscurano l’intelligenza degli esseri umani. 

CURATORE

Carmine Matarazzo: insegna Filosofia dell’educazione presso la Sezione San Tommaso d’Aquino (Napoli) e l’Istituto Superiore di Scienze Religiose San Robero Bellermino (Capua) della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, dov’è docente ordinario. Ha indirizzato la sua attenzione anche al recupero e allo studio delle fonti del pensiero filosofico e teologico, dedicando in quest’ultimo periodo particolare attenzione ad alcune opere inedite in italiano di Gilson e di Maritain.

COLLANA

La collana IDEE / FILOSOFIA E ANTROPOLOGIA raccoglie saggi di uno o più autori capaci di entrare nel vivo del dibattito filosofico contemporaneo. Gli autori e gli argomenti sono tali da costituire una prova della perenne vitalità della filosofia, quando essa si fa interprete delle più genuine istanze dell’intelletto umano.

DATI TECNICI

ISBN 978-88-311-0179-0
f.to 13x20
pp. 176
prezzo: € 14,00