Il Pontefice invita a pranzo il presidente Carlo Azeglio Ciampi

Il Presidente della Repubblica Italiana era accompagnato dalla moglie Franca

| 346 hits

CITTA’ DEL VATICANO, lunedì, 17 gennaio 2005 (ZENIT.org).- La mattina di domenica 16 gennaio Giovanni Paolo II ha ricevuto il Presidente della Repubblica Italiana, Carlo Azeglio Ciampi, e sua moglie Franca, che si sono poi trattenuti a pranzo con il Pontefice.



“Il Santo Padre ha ricevuto oggi a pranzo il Presidente della Repubblica Italiana, Carlo Azeglio Ciampi, accompagnato dalla consorte, Signora Franca”, si legge infatti nella dichiarazione di Joaquín Navarro-Valls, direttore della Sala Stampa vaticana, rilasciata domenica pomeriggio.

“E’ stato un incontro, di carattere privato, molto cordiale, in occasione dell’inizio del nuovo anno”, ha affermato il portavoce della Santa Sede.

In questa occasione, il Pontefice ha voluto rinnovare gli auguri per il compleanno del Presidente italiano, che ha compiuto 84 anni – la stessa età del Santo Padre – il 9 dicembre scorso, durante la sua visita di Stato in Cina.

Con quello di ieri, gli incontri tra Giovanni Paolo II e il Presidente italiano, dentro o fuori il Vaticano, sono undici, secondo quanto ricordato dalla “Radio Vaticana”.

Il primo risale al 24 giugno 1993, quando Ciampi, allora Presidente del Consiglio, si recò in visita in Vaticano.

Non è la prima volta che il Presidente italiano e sua moglie vengono invitati a pranzo in Vaticano, segno del buon rapporto che li lega al Papa.

La cordialità tra il Pontefice e Ciampi deriva anche dalle loro frequenti telefonate, ad esempio in occasione della festività di San Carlo Borromeo, il 4 novembre, onomastico di entrambi.

Di recente, il Papa ha chiamato Ciampi il 13 maggio scorso, quando il Presidente si è infortunato alla clavicola destra di ritorno da una visita a Pavia, e il 23 ottobre, quanto al Capo dello Stato italiano è stato applicato un pace-maker.

Nel suo primo Angelus di quest’anno, il 1° gennaio, il Papa ha ringraziato "vivamente il Signor Presidente della Repubblica Italiana per gli auguri" ha lui rivolti nel suo messaggio di Fine Anno agli italiani. "Li ricambio di cuore invocando pace e prosperità per l’intero popolo italiano", ha affermato il Pontefice.

"Come ogni anno, il mio primo augurio va a Sua Santità Giovanni Paolo II, che lancia ogni giorno nel mondo, raccogliendo tutte le sue forze, messaggi di pace, che toccano il cuore e che facciamo nostri", aveva detto Ciampi il 31 dicembre.