Il ruolo della famiglia deve essere sempre più riconosciuto

Il Priore Generale degli Agostiniani sottolinea l'importanza del VII Incontro Mondiale delle Famiglie

| 900 hits

ROMA, venerdì, 1 giugno 2012 (ZENIT.org).- Padre Robert F. Prevost, Priore Generale dell'Ordine di Sant'Agostino, sottolinea l'importanza del VII Incontro Mondiale delle Famiglie in corso di svolgimento a Milano e che ha come tema "La famiglia: il lavoro e la festa" mettendo in luce il tema della famiglia come Chiesa domestica: “Grande è l'importanza della famiglia nella formazione dei cristiani e dei bambini che sono il futuro della società. Credo che il ruolo della famiglia debba essere sempre più riconosciuto, sostenuto, aiutato dalla Chiesa alla luce del messaggio del Vangelo. È importante che la Chiesa riconosca l'importanza della famiglia e che le stesse famiglie cerchino il modo di vivere quotidianamente il messaggio del Vangelo. Oggi più che mai questa esperienza d'amore che nasce fra uomo e donna che si sposano e che partecipano alla bellissima realtà della procreazione portando al mondo nuovi figli va sottolineata e sostenuta perché la famiglia a sua volta possa crescere veramente vivendo i valori del Vangelo”.

Il futuro del mondo dipende anche dalla solida costruzione dell'amore familiare nutrito di autentici valori cristiani: la Chiesa deve essere accanto alla famiglia nella missione di vivere oggi il Vangelo.

L'Ordine di sant'Agostino in moltissime comunità in cui è presente nel mondo svolge un'autentica pastorale familiare: i Padri agostiniani aiutano le future famiglie nella preparazione al matrimonio cercando di essere un valido aiuto anche nel successivo cammino quotidiano della famiglia. “Nelle nostre scuole cerchiamo di promuovere i valori fondamentali nella ricerca della Verità, nel riconoscere l'importanza dell'amore autentico, vivendo e promuovendo la comunione in base alla prima esperienza di unità che è nella famiglia e quindi collaborando nella chiesa locale” spiega Padre Prevost che sottolinea la dimensione della comunione: “è sempre importante nell'Ordine dove lavoriamo questo rapporto stretto di collaborazione con la chiesa locale nel vivere e promuovere differenti aspetti del programma pastorale. Così lavoriamo e collaboriamo con la pastorale familiare della chiesa locale dove ci troviamo”.

Il Priore Generale si sofferma sul tema dell'incontro, “La famiglia: il lavoro e la festa” riflettendo sulla modalità con cui stare accanto oggi alla famiglia. “Credo che alcune indicazioni prese dalla Dottrina Sociale della Chiesa possano essere importanti anche in questo campo. Parlare della famiglia non può essere disgiunto dal soffermarci sul ruolo della famiglia e della Chiesa nel promuovere la giustizia nel mondo. Parlare del tema del lavoro, degli operai, riconoscendo le difficoltà nella situazione critica che vive il mondo oggi, credo che sia importante. Per aiutare la famiglia credo che la Chiesa debba continuare a alzare la sua voce per tutelare i diritti di tutti. Penso ad esempio ai più deboli, agli operai: lì la Chiesa deve svolgere il suo ruolo insieme con le famiglie per promuovere la giustizia”.

Padre Prevost conclude con un'osservazione sul cammino intrapreso da molti giovani che hanno ricevuto una formazione agostiniana: “tanti giovani cresciuti nella pastorale giovanile agostiniana oggi sono sposati e hanno famiglia. Questi giovani hanno voluto continuare con la propria famiglia un cammino di formazione con sant'Agostino”.