Il sogno della comunione tra Chiesa, Famiglia e Società

In Sicilia il decimo dei 16 Convegni pubblici regionali promossi dall'Azione cattolica in preparazione alla prossima Settimana sociale dei cattolici italiani

Roma, (Zenit.org) | 810 hits

Se è vero che nella Costituzione la famiglia si rileva non come istituzione posta a fondamento dei rapporti economici della società, ma essenzialmente, secondo la sua realtà originaria, come comunità naturale costituita dall’unione tra un uomo e una donna, con assunzione di reciproci diritti e doveri mediante il matrimonio, ove si sviluppa la persona umana in un contesto di reciproca solidarietà tra più generazioni; se è vero che il Concilio ci ha insegnato a considerare i genitori primi maestri della fede dei loro figli e ad attribuire alla loro azione educativa il compito di far intuire per primi la bellezza di una vita aperta al mistero di Dio e nel sacramento del matrimonio la grazia più grande in ordine alla comunicazione dalla fede; non è così vero che questo “sogno” della comunione tra il pensiero costituzionale e quello conciliare si riesca, in atto, a realizzarlo pienamente.

Una risposta di riflessione certo non definitiva alla “questione comunione” proverà a darla il decimo degli incontri pubblici promossi dalla Presidenza nazionale dell’Ac e dalle Delegazioni regionali dell’associazione in preparazione alla prossima Settimana sociale dei cattolici italiani. Sabato 2 marzo (con inizio alle ore 16.00) a Siracusa, presso il Santuario Madonna delle Lacrime, il convegno «Il “sogno” della comunione tra Chiesa Famiglia e Società. Sfide e prospettive a 50 anni dal Concilio» intende mettere in luce la dimensione sociale ed ecclesiale della famiglia nella concretezza dell’oggi, aiutati da mons. Calogero Peri, vescovo di Caltagirone, delegato della Cesi per la Famiglia e per i Giovani, dall’assessore regionale alla Famiglia Ester Bonafede, dal costituzionalista Luigi D’Andrea, dalla teologa Ina Siviglia e dal presidente nazionale dell’Azione Cattolica, Franco Miano. Modera i lavori Vincenzo Morgante, giornalista Rai Sicilia.

Presenti ai lavori mons. Salvatore Pappalardo, arcivescovo di Siracusa, mons. Giuseppe Costanzo, arcivescovo emerito del capoluogo siciliano, mons. Domenico Sigalini, assistente ecclesiastico generale dell’Ac.

«Immersi in una cultura che sembra spingerla in una prospettiva privatistica è necessario far riscoprire la famiglia-sottolinea Ninni Salerno, delegato regionale Ac Sicilia-nella sua dimensione essenziale: non realtà chiusa ma aperta e congiunta alla società e alla Chiesa. È una piccola chiesa dentro la comunità cristiana, prima e vitale cellula della società civile».

«La famiglia oggi è una realtà molto amata, ma anche parecchio discussa»-aggiunge ancora Ninni Salerno, evidenziando come «nelle società del nostro tempo il valore della famiglia trova un riconoscimento indiscusso e universale ma, paradossalmente, alla prova dei fatti è costretta a cedere terreno nelle grandi scelte del ciclo di vita - come quella di sposarsi o far nascere un figlio - quasi sempre filtrate da valutazioni di ordine economico e lavorativo. Sembra proprio che i progetti di formazione e di sviluppo delle famiglie si scontrano con una realtà sociale che ha fortemente bisogno di capitale umano, ma fa ben poco per sostenere la “fabbrica” in cui tale capitale viene prodotto e formato».

A Siracusa si cercherà di ripensare le politiche familiari, guardando, prima che ai bisogni di determinati individui o classi d’età, ad esempio bambini e anziani, al nucleo familiare in quanto tale. Recuperare la centralità della famiglia è l’unica strategia per restituire alle società urbane quella vitalità demografica da cui non può prescindere ogni progetto di sviluppo, doverosamente rispettoso del ruolo e del valore dell’uomo.