In arrivo un "docufilm" sul Concilio Vaticano II

Realizzato dal Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali e da Micromegas, comprende immagini di repertorio ed interviste a cardinali e vescovi di tutto il mondo sull'attualità dell'evento e sul suo recepimento nella Chiesa

| 1159 hits

di Luca Marcolivio

CITTA’ DEL VATICANO, lunedì, 17 settembre 2012 (ZENIT.org) – Alla vigilia del 50° anniversario dell’avvio del Concilio Vaticano II, il Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, in collaborazione con Micromegas Comunicazione, ha lanciato un docufilm sul tema, che sarà presto diffuso dalle televisioni di tutto il mondo.

La diffusione inizierà proprio l’11 ottobre prossimo, data di inizio dell’Anno della Fede e cinquantennale dell’assise conciliare. Il documentario, girato in HD, è della durata complessiva di 12 ore ed intende ricostruire il clima storico, teologico, culturale ed emotivo di un evento che ha segnato profondamente non solo la storia della Chiesa ma di tutto il mondo contemporaneo.

Le immagini di repertorio del docufilm attingono a piene mani alla Filmoteca vaticana, che dispone di circa 200 ore di filmati originali che precedono l’apertura del Concilio.

“Inizialmente la tentazione è stata quella di realizzare un prodotto ‘autocelebrativo’, selezionando i momenti salienti del materiale della Filmoteca”, ha spiegato stamattina monsignor Claudio Maria Celli, Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, durante la conferenza stampa di presentazione del docufilm.

“Abbiamo voluto, tuttavia – ha proseguito il presule - arricchire il documentario con interviste a cardinali, patriarchi e vescovi di tutto il mondo. L’intento è quello di vedere come era stato recepito il Concilio Vaticano II anche in Africa, in America Latina, nelle Chiese orientali: sono stati gli stessi porporati ad indicare le chiavi di lettura dei documenti più importanti del Concilio, offrendo così uno spaccato culturale ecclesiale molto ricco”.

Sono in totale 14 gli alti prelati intervistati per il docufilm; tra questi il cardinale Walter Kasper, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, il cardinale Antonio Cañizares, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, il cardinale Donald Wuerl, arcivescovo di Washington, il cardinale Andrè Vingt-Trois, arcivescovo di Parigi, monsignor Béchara Pierre Raï, patriarca di Antiochia dei Maroniti, monsignor Loris Capovilla, già segretario particolare di papa Giovanni XXIII.

Non si tratterà “esclusivamente di immagini – ha proseguito mons. Celli -. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la storia del Concilio a chi non l’ha vissuta, farne percepire la ricchezza a chi non era presente o lo conosce troppo poco”.

Una delle immagini che colpiranno di più il pubblico sarà quella dell’intervento al Concilio di un giovane Karol Wojtyla: “È suggestivo ascoltare la sua voce, quando interviene in latino durante una delle sessioni”, ha commentato mons. Celli.

Come spiegato da Erminio Fragassa, presidente ed amministratore delegato di Micromegas, l’opera è stata realizzata nell’arco di circa un anno, cui si aggiungono due mesi di post-produzione, con il contributo di un team di circa 50 persone.

Il set è stato allestito ad hoc presso i Micromegas Studios di Roma, con riprese ed immagini dei luoghi più significativi del Vaticano, dall’Archivio Segreto alla Biblioteca Apostolica, dalla Basilica di San Pietro alla Cappella Sistina, dalle Stanze di Raffaello alle Grotte Vaticane.

Secondo quanto riferito da monsignor Celli, il docufilm sarà trasmesso dalla RAI in due puntate di un’ora e 50 minuti (la prima l’11 ottobre, la seconda in data da definire); in considerazione della notevole durata, solo una parte del filmato sarà riprodotta sulla prima rete nazionale.

Il passo successivo sarà la riproduzione in DVD, in 4 o 5 volumi, “confezionati” a seconda delle esigenze delle Chiese locali e delle Conferenze Episcopali.

L’opera sarà introdotta dalla giornalista di Rainews Vania De Luca, mentre le varie sezioni di approfondimento sono affidate al teologo Marco Vergottini, professore presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale.

A breve il Pontificio Consiglio per le Comunicazioni Sociali avvierà contatti con le principali emittenti televisive mondiali – europee e statunitensi in particolare – per la distribuzione del docufilm, di cui è in corso la traduzione in tutte le principali lingue.

Una proiezione speciale avverrà durante il Sinodo dei Vescovi sulla Nuova Evangelizzazione (7-28 ottobre 2012), alla presenza dei padri sinodali.