In leggero aumento il numero di cattolici e sacerdoti nel mondo

Diffusi i nuovi dati dell’Annuario Pontificio 2007

| 1091 hits

CITTA’ DEL VATICANO, lunedì, 12 febbraio 2007 (ZENIT.org).- Si è registrato un leggero aumento nel numero dei cattolici e sacerdoti, secondo quanto rivela l’ultima edizione dell’Annuario Pontificio 2007, presentata questo lunedì a Benedetto XVI.



Stando agli ultimi dati disponibili, dal 2004 al 2005 i cattolici nel mondo sono passati da poco più di 1.098 milioni a circa 1.115 milioni, con un aumento dell’1,5 %.

Un comunicato di presentazione di questo volume, emesso dalla Sala Stampa della Santa Sede spiega che “poiché questa crescita relativa risulta assai vicina a quella della popolazione mondiale (1,2 %), la presenza di cattolici nel mondo è risultata sostanzialmente invariata (17,20 %)”.

“L’analisi geografica delle variazioni nel biennio mostra un aumento del 3,1 % di cattolici nell’Africa, che ha invece aumentato la sua popolazione di poco meno del 2,5 %”, si afferma.

“Anche nei continenti asiatico e americano si è registrato un aumento di cattolici superiore a quello della popolazione (2,71 % contro l’1,18 % per l’Asia e l’1,2 % contro lo 0,9 % per l’America)”, prosegue la nota vaticana.

“In Europa si assiste ad un lieve aumento dei cattolici ed ad una quasi stazionarietà della popolazione presente”, informa poi.

Per ciò che riguarda il numero dei sacerdoti, sia diocesani che religiosi, l’Annuario Pontificio rivela che si “è passato nel biennio 2004-2005 da 405.891 a 406.411, con un aumento relativo dello 0,13 %”.

“A fronte di importanti incrementi per l’Asia e per l’Africa, dove si registra un + 3,80 % e un + 3,55 % rispettivamente si pongono l’Europa e l’America con una flessione di circa mezzo punto percentuale e l’Oceania con un calo dell’1,8 %”, rivela la fonte.

“La distribuzione percentuale dei sacerdoti per continente evidenzia lievi cambiamenti nel biennio considerato”, chiarisce.

“Africa ed Asia contribuivano complessivamente nel 2004 al 19,58 % del totale mondiale; nel 2005 la loro quota era salita al 20,28 %. L’America mantiene nel tempo una frazione di circa il 29,8 % mentre l’Oceania rimane relativamente stabile attorno ad una quota di poco più dell’1 %”.

“ L’unico continente che ha visto diminuire la propria quota è l’Europa: nel 2004 i 199.978 sacerdoti europei rappresentavano quasi il 49,3 % del totale del gruppo ecclesiastico, mentre un anno più tardi erano scesi al 48,8 %”, indica.

“Il numero degli studenti di filosofia o di teologia nei seminari diocesani o in quelli religiosi è passato da 113.044 nel 2004 a 114.439 nel 2005”.

Ciò implica, segnala il Vaticano, che “complessivamente nel biennio si è avuto un tasso di aumento dell’1,23 %”.

“Tale variazione relativa è stata positiva in Africa (3,46 %), in Asia (2,90 %) e in America (0,6 %), mentre l’Europa ha fatto registrare un calo dell’1,9 %. Il numero di seminaristi in Oceania si è stabilizzato intorno alle 950 unità”, rivela.

“Nel 2005 su 100 candidati al sacerdozio di tutto il mondo, 32 erano americani, 26 asiatici, 21 africani, 20 europei e 1 dell’Oceania”, conclude

L’Annuario Pontificio 2007 è stato presentato al Santo Padre dal Cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato e dall’arcivescovo Leonardo Sandri, Sostituto alla Segreteria di Stato per gli Affari Generali.

La redazione del nuovo Annuario, di circa 2.400 pagine, è stata curata da monsignor Vittorio Formenti, incaricato dell’Ufficio Centrale di Statistica della Chiesa e dall’equipe dei collaboratori.

Il complesso lavoro di stampa è stato invece curato da don Elio Torrigiani S.D.B., dal Comm. Antonio Maggiotto e dal Comm. Giuseppe Canesso, rispettivamente Direttore Generale, Direttore Commerciale e Direttore Tecnico della Tipografia Vaticana. Il volume sarà prossimamente in vendita nelle librerie.