Insieme per forza

Il film valorizza l'educazione differenziata tra donne e uomini, ma stereotipizza gli adolescenti e offre una descrizione quasi offensiva dell'Africa

Roma, (Zenit.org) Franco Olearo | 237 hits

Lauren è divorziata con due figli pestiferi, Jim è vedovo con tre figlie alquanto problematiche. Entrambi si sentono totalmente assorbiti dai loro impegni familiari e il loro primo incontro, un blind date, si risolve in un disastro. Inaspettatamente si ritrovano a passare, con i loro figli, una settimana di vacanza in un resort africano e ciò li costringe, quasi controvoglia, a cercare di conoscersi meglio…

L’idea non è malvagia. Sono sempre esistiti degli alberghi specializzati nell’accogliere sposini in luna di miele: ambienti esotici, camere da letto lussuriose e bagni con vasca Jacuzzi. Ma i tempi e le esigenze si evolvono: perché allora non organizzare resort per famiglie blended (è il titolo originale del film, che potremmo tradurre con “allargate”)?

La parte centrale del film si sviluppa proprio in Sud Africa, in un resort a 5 stelle dove lui e lei non arrivano da soli ma accompagnati dai rispettivi figli e mentre si godono una cenetta sotto le stelle, i ragazzi hanno modo di scatenarsi nei vari intrattenimenti che sono stati organizzati per loro. E’ questa una delle note più originali del film, interamente dedicato al tema delle famiglie allargate, in particolare quelle di Lauren (Drew Barrymore), divorziata con due pestiferi figli maschi e di Jim (Adam Sandler), vedovo con tre figlie.

Adam Sandler sembra ormai puntare in modo deciso sul filone dei film familiari: abbandonata, anche per limiti anagrafici, la comicità scurrile dei primi film adolescenziali, è poi approdato a storie romantiche (il migliore è stato 50 volte il primo bacio) o a goliardici racconti familiari come Un weekend per bamboccioni. Questa volta Adam si cimenta in una situazione mista: se il tema portante è la fatica di due adulti di trovare il coraggio di innamorarsi nuovamente, partecipiamo anche allo scomposto agitarsi di ragazzi e ragazze in piena crisi adolescenziale.

L’intreccio fra Lauren e Jim è la parte che la sceneggiatura ha meglio sviluppato: nel loro primo incontro (un blind date organizzato da amici comuni), si accorgono ben presto di esser fuori esercizio da troppi anni: non ricordano più come si fa a provare interesse per una persona che non si conosce.  La cura dei figli è diventata un impegno totalizzante. Anche se galeotta sarà la settimana passata nel resort Sud Africano, l’affetto mai sopito per la  moglie e il ricordo vivo che di lei hanno ancora le sue figlie, sarà un pungolo per l’onesta coscienza di Jim che lo trattiene da creare turbative all’equilibrio già precario della sua famiglia. Ugualmente complessa la situazione di Lauren: il suo ex marito dichiara di voler mettere la testa a posto per tornare da lei. In questo caso la sceneggiatura risolve il problema in modo  sbrigativo: l’ex-marito si mostra presto incapace di prestare le attenzioni dovute ai suoi figli, semplificando la decisione di Lauren.

Particolarmente trascurate dalla sceneggiatura sono le figure dei 5 figli, ingabbiate nei più abusati stereotipi: un ragazzo scatenato che si mette sempre nei guai, un altro particolarmente dispettoso, una quindicenne al suo primo innamoramento, una bambina che coi sui vezzi e carinerie riesce ad ottenere dal papà tutto ciò che vuole.

Da lodare nel film l’importanza che è data a un’educazione differenziata fra i maschi e le femmine, con buona pace delle varie ideologie gender: alla fine le figlie di Jim avranno con Lauren quelle confidenze che ci si aspetta da una madre, mentre Jim saprà dare ai due discoli di Lauren utili consigli nelle competizioni sportive.

Una nota di demerito va data per come il film tratta l’Africa e gli africani: ciò che è natura libera e selvaggia è trasformato in un fasullo parco di divertimenti sullo stile dei più spettacolari alberghi di Las Vegas mentre i nativi vengono ridotti a figure da cabaret o ballerini da musical per il diletto dei ricchi turisti americani.

*

Titolo Originale: Blended
Paese: USA
Anno: 2014
Regia: Frank Coraci
Sceneggiatura: Ivan Menchell Clare Sera
Produzione: ULFSTREAM PICTURES, HAPPY MADISON PRODUCTIONS, KARZ ENTERTAINMENT, WARNER BROS.
Durata: 117
Interpreti: Adam Sandler, Drew Barrymore

Per ogni approfondimento: http://www.familycinematv.it