Iraq, attentati contro sciiti e cristiani

I fondamentalisti vogliono scoraggiare qualsiasi sostegno alla resistenza siriana

| 836 hits

ROMA, martedì, 6 dicembre 2011 (ZENIT.org) – Tornano le bombe e il terrore in Iraq. Sono stati tre gli attentati dinamitardi che hanno sconvolto ieri Baghdad, provocando almeno 11 morti e alcune decine di feriti: gli obiettivi erano principalmente gli sciiti ma anche i cristiani sono nel mirino.

La prima esplosione si è verificata nel quartiere settentrionale di Urr, con 8 morti e 18 feriti tra i pellegrini sciiti recatisi nella capitale irachena per la festività dell’Ashura. Una seconda bomba è esplosa nel pomeriggio contro un altro gruppo di pellegrini, causando tre vittime. Un terzo ordigno ha ferito 4 sciiti nel quartiere di Zaframiyah, nel centro cittadino.

L’attentato più cruento è però avvenuto a nord della città di Hilla, nell’area di al-Nil, dove un’autobomba è esplosa in mezzo ad una processione provocando la morte di 16 persone, tra cui donne e bambini.

L’Ashura, che si celebra oggi, è la commemorazione del martirio dell’imam Husayn, avvenuto nel VII secolo, e da molto tempo è divenuta pretesto per violenze ed attentati da parte della minoranza sunnita. La situazione è precipitata dopo la caduta del regime di Saddam Hussein e l’occupazione militare statunitense che si concluderà alla fine di questo mese.

AsiaNews riferisce anche di aggressioni avvenute nei giorni scorsi nei confronti dei cristiani. Il 2 dicembre a Zakho in Kurdistan, i fondamentalisti, sobillati dall’imam locale, hanno distrutto negozi di liquori, centri massaggi e un albergo, ferendo almeno 30 persone.

Aggressioni contro negozi e strutture appartenenti ai cristiani caldei, sono avvenute anche a Dohok.

Episodi analoghi, secondo quanto riportato da AsiaNews si sono verificati anche a Baghdad, dove alcuni gestori di negozi di liquori avrebbero ricevuto lettere minatorie contro i loro esercizi commerciali.

Secondo le fonti cristiane consultate dall’agenzia e rimaste anonime per motivi di sicurezza, nel Nord del paese, i fondamentalisti stanno portando avanti una campagna di intimidazione pianificata nei minimi dettagli contro i cristiani per scoraggiare i curdi nel sostenere la resistenza siriana.