Jaruzelski: la sua conversione sul letto di morte

Il generale polacco che guidò la repressione contro Solidarność ha ricevuto i sacramenti prima di spirare lo scorso 25 maggio

Varsavia, (Zenit.org) Don Mariusz Frukacz | 572 hits

Il generale Wojciech Jaruzelski, politico, capo militare, attivista comunista, che durante tutta la sua vita si dichiarò sempre non credente, è morto lo scorso 25 maggio, ricevendo i sacramenti.

Don Jan Dohnalik, Cancelliere della Curia dell’Ordinariato dell’Esercito Polacco ha confermato l'adozione da parte di Wojciech Jaruzelski i santi sacramenti.

“Vorrei sottolineare che il generale Jaruzelski, informato dal cappellano militare, ha accettato e ricevuto pienamente e volontariamente i sacramenti della confessione, la comunione  e il sacramento dell'Unzione degli infermi”, ha spiegato alla stampa don Dohnalik.

“Questa riconciliazione sacramentale con Dio è una grazia. Nella cattedrale dell’Ordinariato Militare per molti mesi sono state celebrate le Sante Messe per le intenzioni del generale Wojciech Jaruzelski. So anche di molte comunità religiose e i fedeli laici che hanno pregato per la grazia della sua conversione”, ha sottolineato don Dochnalik.

“Il 12 maggio, alle ore 15, dopo la Messa il cappellano è andato dal generale Jaruzelski portando il Santissimo Sacramento e le reliquie di San Giovanni Paolo II e di San Raffaele Kalinowski, un soldato della Rivolta di gennaio. Dopo aver parlato con il cappellano, il generale ha consapevolmente espresso il desiderio di riconciliazione con Dio. Si è confessato e ha ricevuto il sacramento dell'Unzione degli infermi e la Santa Comunione. Poi ha baciato le reliquie dei santi, portate dal cappellano”, racconta il Cancelliere della Curia dell’Ordinariato dell’Esercito Polacco.

"La sentenza del defunto appartiene a Dio", ha detto il vescovo militare Józef Guzdek, durante la messa funebre per l'anima del generale Wojciech Jaruzelski, il 30 maggio. “La preghiera per il generale conferma la preoccupazione della Chiesa su ciò che è più importante, sulla salvezza”, ha ricordato mons Guzdek.

"Invochiamo la Divina Misericordia su tutta la sua lunga vita, piena di decisioni drammatiche, le cui conseguenze suscitano ancora molte emozioni. In particolare sull'altare di Dio portiamo oggi ultimo atto di buona fede, per il quale ha vinto un coscientemente di fronte alla morte”, ha detto il vescovo militare.

Mons. Gozdek ha sottolineato che “la storia giudicherà le sue parole, le decisioni e le azioni, ma c'è una differenza tra la valutazione e il giudizio”. E aggiunto che  "il giudizio, al momento della morte di un uomo dovrebbe essere solo a Dio, infatti, Egli conosce meglio il cuore umano. Solo Dio sa cosa c'è dentro l'uomo”.

Il generale Wojciech Jaruzelski proveniva da una famiglia profondamente religiosa e patriottica. Il 7 ottobre 1923 fu battezzato nella chiesa parrocchiale in Kurów, dove era nato tre mesi prima. Dal 1933, frequentò la scuola gestita dai Padri Mariani a Bielany. Profondi cambiamenti nella sua visione del mondo iniziarono durante un soggiorno forzato in URSS, dove nel 1941 la sua famiglia fu deportata dalla Lituania all'Unione Sovietica. Dal 1945 il generale Jaruzelski divenne un collaboratore della cosiddetta Informazione Militare Sovietica.

Dal 1981 al 1989, Wojciech Jaruzelski fu segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista Polacco. Nella notte tra il 12 e il 13 dicembre 1981 ha presieduto il Consiglio Militare di Salvezza Nazionale, per conto del quale, ha dichiarato la legge marziale e lo stato di guerra. Il generale Jaruzelski è stato responsabile delle persecuzioni e della morte dei membri dell’Arma Nazionale (AK) e dell'esercito clandestino polacco e, in seguito, dei membri e degli attivisti dell’opposizione democratica, come Solidarność. Nel dicembre 1989 è stato eletto dall’Assemblea Nazionale come l’ultimo presidente della Repubblica Popolare Polacca e il primo presidente della Terza Repubblica Polacca.