Joseph Ratzinger: un "diagnosta" del suo tempo, come Sant'Agostino

A Częstochowa una Giornata di ringraziamento per il ministero petrino e il pensiero teologico di Benedetto XVI

Czestochowa, (Zenit.org) Don Mariusz Frukacz | 716 hits

“Benedetto XVI ha acceso la fiamma nei nostri cuori”: queste  parole di Papa Francesco, pronunciate il 15 Marzo scorso sono state il motto della Giornata di ringraziamento per il ministero petrino e il pensiero teologico di Benedetto XVI che, per iniziativa dell’Arcivescovo Metropolita di Czestochowa, Waclaw Depo, ha avuto luogo il 26 aprile a Czestochowa.

Per questo motivo, presso l’Istituto Superiore di Teologia, si è tenuta una riunione dedicata al ministero e all’insegnamento di Benedetto XVI.

L’incontro è iniziato con la Messa nella cappella dell’Istituto, presieduta da Mons. Waclaw Depo.

Nella sua omelia, l’Arcivescovo di Czestochowa, con riferimento al Vangelo, ha ricordato che Gesù è la Via, la Verità e la Vita. “In Gesù, l’uomo scopre i segreti della sua vita, perché la vita è un dono di Dio e un invito a collaborare  con Dio”, ha detto l’Arcivescovo di Czestochowa.

Depo ha poi ricordato le parole di Benedetto XVI, secondo il quale  “la nostra vita non è la somma di debolezze umane, ma un dono che riceviamo in mano, è prima di tutto un dono di Dio”.

“Cristo, Redentore dell’uomo e del mondo, attraverso il mistero dell’Incarnazione e della Croce  e Risurezzione, ha dato luce a tutte le domande dell’uomo”, ha continuato l’Arcivescovo di Czestochowa.

Il presule ha inoltre sottolineato che “Cristo è la risposta a tutte le nostre preoccupazioni”.

Dopo la Messa presso l’Auditorium dell’Istituto Superiore di Teologia, don Jerzy Szymik, professore della Facoltà di Teologia dell’Università della Slesia, ha tenuto una conferenza del titolo Dio come “unum necessarium”. La teologia di Benedetto XVI.

Don Szymik ha sottolineato che il tema centrale dell’insegnamento di Benedetto XVI è stato “il primato assoluto di Dio nella nostra vita e nel mondo”.

“Dio esiste ed è Dio. L’uomo può comprendere se stesso attraverso la presenza di Dio. Questa verità è ripetuta nel magistero di Benedetto XVI”, ha detto don Szymik.

Il Teologo  ha detto che Benedetto XVI ha costantemente ricordato che “Dio è per noi e senza Dio la vita umana non è possibile. La priorità dovrebbe essere quella di aprire le persone a Dio”. Benedetto XVI ha presentato al mondo l’idea che la modernizzazione non è un dio, Dio è solo Dio, ha detto don Szymik

Il noto teologo ha sottolineato i temi principali del magistero di Benedetto XVI: la fede, la speranza e l’amore, la sofferenza, la gioia e la libertà. “Penso - e questo non sarà una sorpresa - che fra qualche tempo, nella storia della Chiesa, Benedetto XVI sarà riconosciuto come Dottore della Chiesa, perché il suo magistero e pensiero è una teologia di questa portata”.

“Benedetto XVI oggi può essere paragonato, ad esempio, a Sant’Agostino, e per diversi motivi, perché Sant’Agostino è uno dei principali maestri. Joseph Ratzinger ha scritto il suo dottorato sul pensiero di Sant’Agostino. Questo Padre della Chiesa fece una diagnosi dell’epoca in cui visse e qui Benedetto XVI è un fedele discepolo di Agostino, nel senso che è forse il più brillante diagnosta del nostro tempo”, ha proseguito don Szymik.

”Portiamo l’insegnamento fedele del Santo Padre, e saremo fedeli alla dottrina della Chiesa che viene da fonti bibliche e le tradizioni della Chiesa”, ha aggiunto mons. Depo.

All’incontro hanno partecipato i rappresentanti della Curia Metropolitana di Czestochowa, le autorità con il direttore dell’Istituto Superiore di Teologia in Czestochowa don Marian Duda, docenti e studenti dell’Istituto Superiore di Teologia, nonché rappresentanti di associazioni e movimenti cattolici dell’Arcidiocesi di Czestochowa, tra gli altri. Azione Cattolica e l’Unione del Laicato Cattolico.

I legami del cardinale Joseph Ratzinger - Benedetto XVI con Czestochowa hanno il suo inizio con il primo pellegrinaggio di Giovanni Paolo II a Jasna Gora II 6 giugno 1979. Il cardinale Ratzinger ha partecipato a questo viaggio pastorale. Poi il cardinale Ratzinger ha visitato Jasna Gora il 11 Settembre 1980, quando si recò in Polonia come membro di una delegazione di 16 membri della Conferenza Episcopale Tedesca presieduta dal cardinale di Colonia, Joseph Hoffner, su invito dell’Episcopato Polacco. Durante questa visita incontrò, tra gli altri, il vescovo della diocesi di Czestochowa. Stefan Barela.

Inoltre, il 26 Maggio 2002, Ratzinger si è recato a Jasna Gora, dopo la consacrazione per il vescovo di Radom di mons. Zygmunt Zimowski. Durante questa visita, nel 25° anniversario della sua ordinazione a vescovo, ha celebrato  nella Cappella dell’Immagine  Miracolosa della Madonna Nera. Durante la visita il cardinale. Ratzinger ha incontrato il Metropolita di Czestochowa Stanislaw Nowak e ha visitato la Cattedrale della Sacra Famiglia.

Durante  il suo pontificato, papa Benedetto XVI ha compiuto un pellegrinaggio a Jasna Gora il 26 maggio 2006, durante una visita pastorale in Polonia, svoltasi dal 25 al 28 maggio 2006.