L’annuncio più bello del Vangelo oggi, le famiglie con fede, afferma il Pontefice

In un incontro con i sacerdoti

| 945 hits

CITTA’ DEL VATICANO, venerdì, 27 luglio 2007 (ZENIT.org).- La credibilità nell’annuncio del Vangelo dipende dei veri cristiani; per questo motivo Benedetto XVI vede nelle famiglie “penetrate dalla fede” la presenza di Dio.



Lo ha spiegato il 24 luglio rispondendo alle domande di alcuni sacerdoti delle diocesi di Belluno-Feltre e Treviso ad Auronzo, nelle Dolomiti.

“Il cristianesimo non è un pacchetto complicatissimo di tanti dogmi, così che nessuno può conoscerli tutti; non è cosa solo per accademici, che possono studiare queste cose, ma è cosa semplice: Dio c’è e Dio è vicino in Gesù Cristo”.

Portare Dio agli altri, ha spiegato, “implica soprattutto – da una parte – l’amore e – dall’altra – la speranza e la fede”.

“Quindi la dimensione della vita vissuta, la migliore testimonianza per Cristo, il miglior annuncio è sempre la vita di veri cristiani”.

“Se vediamo famiglie nutrite dalla fede come vivono nella gioia, come vivono anche la sofferenza in una profonda e fondamentale gioia, come aiutano gli altri, amando Dio e il prossimo, mi sembra che questo sia oggi l’annuncio più bello”.

“Anche per me l’annuncio più confortante è sempre quello di vedere le famiglie cattoliche o le personalità cattoliche che sono penetrate dalla fede: risplende in loro realmente la presenza di Dio e arriva questa ‘acqua viva’ della quale Lei ha parlato”, ha detto al sacerdote che lo aveva interpellato.

“Quindi l’annuncio fondamentale è proprio quello della vita stessa dei cristiani”, ha assicurato.