L'Australia premia "Cristianità" di RAI International

Programma televisivo di cultura religiosa

| 1218 hits

ROMA, lunedì, 7 aprile 2008 (ZENIT.org).- Gli emigranti italiani di Sydney (Australia) hanno assegnato un premio al programma televisivo "Cristianità" di RAI International, condotto da suor Myriam Castelli.

Il riconoscimento si inserisce nel fervore delle numerose iniziative in preparazione al viaggio internazionale di Papa Benedetto XVI a Sydney per la XXIII Giornata Mondiale della Gioventù, in programma dal 15 al 20 luglio prossimo. 

La consegna del premio avverrà nella Saint Mary's Cathedral di Sydney sabato 19 aprile alla presenza del Cardinale George Pell, Arcivescovo della capitale australiana e punto di riferimento di tutte le iniziative in preparazione all'incontro del Papa con i giovani di tutto il mondo.

L'iniziativa è stata proposta da un gran numero di telespettatori e radioascoltatori italiani in Australia. dove "Cristianità" giunge, ogni domenica e nei giorni festivi, nelle ore serali in versione televisiva e radiofonica e rappresenta - come scrivono i telespettatori nelle innumerevoli e-mail - "una carezza per l'anima". Da sei anni il programma è visibile anche on-line sul sito della RAI (www.international.rai.it). 

Con questo gesto, gli emigranti manifestano la loro soddisfazione per il servizio televisivo di suor Myriam Castelli, grazie al quale tutte le domeniche giunge nei cinque continenti il messaggio del Papa all'Angelus, commentato in diretta insieme ad alcuni ospiti in studio.

I telespettatori italiani in Australia vogliono così esprimere la loro riconoscenza per la qualità del programma e degli ospiti, la professionalità dell'autrice e la passione con la quale suor Myriam trasmette il messaggio della fede. 

L'evento sarà accompagnato da musiche e canti in onore della Madre di Dio in attesa di Benedetto XVI, e in onore di Giovanni Paolo II, del quale è giunta in questi giorni a Sydney una statua bronzea opera di Fiorenzo Bacci, donata dagli emigranti italiani.

All'incontro saranno presenti le massime autorità religiose e civili della capitale australiana e migliaia di persone appartenenti alle comunità cristiane di Sydney. 

"Cristianità" è iniziato nel contesto del fervore del Grande Giubileo del 2000 e ha già raggiunto la quota di seicento puntate. Al timone della trasmissione, nelle vesti di autrice e conduttrice, suor Myriam Castelli, giornalista professionista, appartenente alla Congregazione delle Figlie di San Paolo fondata dal beato Don Giacomo Alberione.

"Il programma viene trasmesso in diretta nei cinque continenti con replica in ore diversificate. Lo stesso titolo richiama un altro termine oggi dominante in ogni settore della vita civile: mondialità", ha spiegato suor Myriam a ZENIT. 

"Quella del pubblico globale al quale il programma si rivolge, ma soprattutto quella che definisce 'i confini del mondo' raggiunti dal Cristianesimo nei suoi oltre duemila anni di esistenza", aggiunge.


Suor Myriam lavora dall'inizio del 1996 presso la RAI come giornalista collaboratrice. Ha al suo attivo ben trent'anni anni d'esperienza giornalistica.

Prima di iniziare il suo lavoro in RAI, ha esercitato per vari anni la professione giornalistica all'estero e ha fondato e diretto uno dei primi uffici stampa a servizio delle Diocesi: quello dell'Arcidiocesi di Bologna, retta dal Cardinale Giacomo Biffi, incarico che ha ricoperto dal 1989 alla fine del 1996.