L'era Glaciale 4 - Continenti alla deriva

Il quarto episodio del film, in onda lunedì 2 settembre, mantiene e forse migliora la formula che ha decretato il successo dei film precedenti: comicità pazzoide, situazioni rocambolesche, personaggi ben delineati

Roma, (Zenit.org) Franco Olearo | 287 hits

Nel 4° episodio, in onda lunedì 2 settembre 2013 alle ore 21.10 su SKY CINEMA 1,i nostri amici sono alle prese con gli sconvolgimenti indotti dalla deriva dei continenti. Manny, Diego e Sid si ritrovano su di una piattaforma di ghiaccio in balia delle onde e dei pirati, mentre la mammut Elllie con sua figlia adolescente Pesca e il suo amico talpa Louis si mettono in cammino con la speranza di riuscire a ricongiungersi...

Lo scoiattolo Scrat questa volta l’ha fatta grossa. Nel suo spasmodico inseguimento alla mitica ghianda, già nel primo film della serie aveva innescato la rovinosa spaccatura di un iceberg ma ora diventa il responsabile nientemeno che della deriva dei continenti.  Così sulla falsariga dell’esagerare è meglio, parte la quarta avventura dei simpatici quadrupedi della nostra preistoria, questa volta costretti a una rapida migrazione verso terre stabili, ora che i continenti hanno iniziato a separarsi.

 Nessun timore comunque, perché le difficoltà che i nostri debbono affrontare sono solo il pretesto per qualche scenografico capitombolo e l’occasione per rinsaldare la loro amicizia.

Se la comicità di Scrat è silente e keatoniana, come aveva sottolineato  in “L’era glaciale 2” Luisa Cotta Ramosino, la forza trainante della serie  è determinata dall’interazione fra personaggi insoliti e divertenti, vecchi e nuovi.  Il bradipo Sid resta il re dell’ottimismo: “ le brutte notizie sono delle buone camuffate e perché anche se appaiono brutte, c’è sempre un arcobaleno dietro l’angolo”, dichiara serafico su un pezzo di giaccio alla deriva mentre dietro di lui si sta addensando una terribile tempesta.
Nuova invece la sua arzilla nonnetta, che sembra tanto svampita ma che in realtà non lo è.

L’oceano è diventato il nuovo teatro di questa quarta puntata , con tanto di pirati e arrembaggi ; non mancano le sirene in omaggio all’Odissea mentre  Sid e la sua nonnetta colgono l’opportunità di  un comodo viaggio nel ventre di una balena, come era già successo a Geppetto.

In questo modo la storia scorre fluida e divertente mentre anche questa volta gli autori non mancano di dirci qualcosa di importante.

Il cuore del racconto resta la forza del gruppo; il significato di restare amici, di aiutarsi a vicenda rispettandosi l’un l’altro nella propria diversità. E’ quanto cerca di spiegare Diego alla tigre-pirata, che si era allontanata dal suo branco preferendo far parte della ciurma dei pirati e che ora comprende quanto è importante il sostegno reciproco. E’ quanto comprende, in negativo,  l’adolescente mammut Pesca che per entrare nella comitiva frequentata da un ragazzo che le interessa finisce per rinnegare la sua amicizia con il piccolo roditore Louis, un rapporto poco confacente alla propria razza. Sarà poi lo stesso Louis, con la sua abnegazione, a farle comprendere che per amicizia si può anche rischiare la vita.

Anche la famiglia, come nelle puntate precedenti, resta al centro dell’attenzione: fragile e opportunista come quella di Sid, oppure solida come quella dei mammut Manny e d Ellie, alle prese con le intemperanze della loro figlia adolescente: anche se possono nascere delle incomprensioni, non si perdono mai i riferimenti degli affetti che contano fra di loro.

L’era Glaciale 4 conferma in questo modo la formula che aveva già decretato il successo dei film precedenti mostrando di non aver ancora esaurito la sua carica inventiva, facendo divertire grandi e piccoli con in più qualche suggerimento per una pacata riflessione. 

*

Titolo Originale: Ice Age: Continental Drift
Paese: USA
Anno: 2012
Regia: Steve Martino, Mike Thurmeier
Sceneggiatura: Michael Berg, Jason Fuchs, Mike Reiss
Produzione: BLUE SKY STUDIOS

Per ogni approfondimento: http://www.familycinematv.it/