L'evangelizzazione del Cammino Neocatecumenale in tutte le piazze del mondo

Kiko Argüello racconta la "Grande Missione" che partirà domenica prossima contemporaneamente nella Capitale e in tutto il mondo. Un'iniziativa che Papa Francesco ha definito "stupenda"...

Roma, (Zenit.org) Salvatore Cernuzio | 4589 hits

“Dio ha salvato il mondo attraverso la stoltezza della predicazione”. Coscienti di questa affermazione dell’apostolo Paolo, gli iniziatori del Cammino Neocatecumenale, Kiko Argüello e Carmen Hernández, alla richiesta del Pontificio Consiglio per i Laici e per la Nuova Evangelizzazione di organizzare qualche iniziativa specifica per l’Anno della Fede, hanno pensato che solo una cosa fosse necessaria: portare il Vangelo all’uomo di oggi. Nelle cinque domeniche di Pasqua, quindi, a partire dal 7 aprile, le comunità di tutto il mondo daranno luogo, contemporaneamente, a degli incontri a tema nelle piazze della città vicine alle parrocchie di appartenenza.

A Roma, saranno 100 le piazze ‘invase’ pacificamente dagli appartenenti a questo itinerario d’iniziazione cristiana. Le modalità saranno le solite che il Cammino utilizza, da anni, nelle sue missioni a cielo aperto: una pedana, un’icona, un ambone, una croce e folti gruppi di giovani armati di chitarra, cembali e tamburi, e soprattutto dello spirito per testimoniare ai passanti le meraviglie che il Signore ha compiuto nella loro vita. Il programma è stato stabilito dagli iniziatori dell’itinerario neocatecumenale insieme al Cardinale Vicario, Agostino Vallini, che domani sabato 6 aprile, celebrerà, nella Basilica di San Paolo fuori le Mura, una liturgia in cui invierà, con la Sua Benedizione, le 500 comunità di Roma alla grande missione.

Per saperne di più, ZENIT ha intervistato Kiko Argüello.

***

Kiko, sono anni che le comunità neocatecumenali annunciano la Buona Notizia per le strade e nei centri abitati. Come si è sviluppata l’idea di questi grandi incontri in 100 piazze di Roma?

Kiko Argüello: Dice San Paolo che “Dio ha voluto salvare il mondo attraverso la stoltezza della predicazione”. Questa lettera è stata scritta in greco e al posto della parola “predicazione” San Paolo usa kerygma, che significa Buona Notizia. Possiamo dire, dunque, che fondamentalmente il cristianesimo prima di essere una filosofía, una morale o una dottrina, è una “notizia” che deve essere proclamata e che salva chi la accoglie. È la notizia che Dio ha inviato il suo unico Figlio perché desse la vita per ogni uomo. E se l’uomo accetta questa vita che gli viene offerta riceve la salvezza, la vittoria sopra la morte, perché Cristo ha offerto sé stesso per ognuno di noi affinché ogni nostro peccato potesse essere perdonato e potessimo ricevere lo Spirito Santo che ci rende nuove creature.

Nell’Anno della Fede in corso, ma anche in un periodo di nuova Evangelizzazione, e allo stesso tempo di secolarizzazione disarmante, quanto è importante annunciare Gesù Cristo, attraverso anche nuove modalità?

Kiko Argüello: Nel Cammino è fondamentale proclamare questa “notizia”. Il problema è capire che oggi c’è molta gente che ha l’orecchio chiuso a qualunque tipo di informazione, soprattutto di tipo religioso, a causa di pregiudizi, conflitti personali o esperienze passate. Per questo, prima di proclamare il kerygma è necessario predisporre le persone all’ascolto, come disse Gesù Cristo. Ma come è possibile farlo? Come si legge negli Atti degli Apostoli, prima di ogni annuncio del kerygma, Dio fa un miracolo, compie cioè un evento straordinario che pone l’uomo in condizione di aprire le orecchie. Ma questi miracoli cessano quando appare un altro miracolo ancora più grande: la Chiesa come comunità che si ama.

Qual è l’obiettivo di queste grandi missioni?

Kiko Argüello: Uscire nelle piazze significa per noi dare una grande testimonianza di tanti giovani che con la propria esperienza attirano la gente che passa, magari solo per curiosità, colpita soprattutto dai canti, ad ascoltare la Buona Notizia di Cristo risorto. Questo è quello che pretende il Cammino Neocatecumenale e che, tra l’altro, facciamo da anni con le missio ad gentes. Grazie a questo tipo di missione abbiamo visto moltissime conversioni, soprattutto di gente atea o totalmente lontana dalla Chiesa, stupita e attratta dai canti, dalla cordialità tra i fratelli, dalle esperienze e dall’ascolto del kerygma, che tocca profondamente lo spirito dell’uomo, dal momento che, dice San Paolo, "è lo spirito di Cristo che dà testimonianza al nostro spirito".

Perché proprio nelle piazze?

Kiko Argüello: Non dimentichiamo che siamo in un momento storico di transizione. In tutte le epoche, gli uomini hanno cercato di trovare nel 'sacro' un rifugio, un qualcosa che li difendesse dalle catastrofi naturali, dalle infermità e via dicendo. Oggi, invece, l’uomo non ha più bisogno della religione, perché al suo fianco ha la tecnologia, le scoperte scientifiche ecc. Così come la Chiesa ha utilizzato la religiosità, una “catechesi del tempio”, oggi dobbiamo cercare nuovi metodi che possano raggiungere l’uomo contemporaneo. Qualcuno dice che oggi sono stati abbandonati i “templi”, quindi le istituzioni, le chiese ecc, e si riempiono invece le piazze. Appunto per questo crediamo che possa essere un avvenimento mostrare proprio in quei luoghi una nuova forma di dialogo con le persone, soprattutto attraverso le parole dei giovani. 

Il pontificato di Papa Francesco si è contraddistinto finora per la continua esortazione ad uscire, seguire Cristo, ed evangelizzare. Partendo proprio da Roma. Sembra che questa iniziativa segua alla lettera l’invito del Santo Padre. Il Papa è a conoscenza dell’iniziativa?

Kiko Argüello: Dopo che Benedetto XVI ha annunciato l’Anno della Fede, noi del Cammino Neocatecumenale abbiamo pensato che una proposta per un tempo così speciale per la Chiesa poteva essere l’annuncio del Vangelo nelle strade. Quando poi è stato eletto il nuovo Papa siamo rimasti sorpresi nel sentire nelle sue omelie, nelle udienze, questo costante invito ad “uscire” da sé stessi, dalle parrocchie, dalle case, per andare nelle strade e nelle periferie ad evangelizzare. È stata quindi una conferma. Infatti, quando abbiamo proposto al Santo Padre l’idea di evangelizzare nelle piazze ha detto che era una missione “stupenda” e ci ha incoraggiato molto.

Qual è il rapporto di Papa Francesco con il Cammino Neocatecumenale?

Kiko Argüello: E' sempre stato un padre e un buon Pastore con noi. L’equipe itinerante responsabile del Cammino in Argentina ha raccontato che quando abbiamo avuto dei problemi in alcune parrocchie, egli stesso è intervenuto parlando con il parroco, o addirittura invitandoci a cambiare parrocchia.

L’iniziativa delle 100 piazze ricorda un po’ le varie missioni che i neocatecumenali compiono lungo i pellegrinaggi delle GMG. Cosa sta preparando il Cammino per la Giornata di Rio de Janeiro?

Kiko Argüello: Dopo l’incontro con il Santo Padre confermiamo l’incontro con tutti i giovani del mondo. Anche a Rio de Janeiro, come in Plaza de Cibeles a Madrid, ci sarà una chiamata vocazionale, questa volta mirata soprattutto all’evangelizzazione in Asia. Inviteremo, cioè, ragazzi e ragazze ad essere generosi con il Signore, che ci sta chiamando ad aiutarLo, a portare la Buona Notizia in tutti gli angoli della terra.