L'impegno internazionale per la popolazione di Gaza

I vescovi francesi e il governo italiano intervengono con azioni concrete di solidarietà

Roma, (Zenit.org) Redazione | 287 hits

Espressioni concrete di solidarietà verso la popolazione di Gaza giungono da Francia e Italia. Nel Paese d’oltralpe sono i vescovi ad intervenire, tramite l’organizzazione Ouevre d’Orient, per sostenere economicamente l’Ospedale San Giuseppe di Gerusalemme Est. Nella struttura stanno arrivando copiosi feriti provenienti dalla Striscia di Gaza, il personale si trova pertanto a dover affrontare una situazione d’emergenza assai delicata, dato anche l’alta percentuale di bambini tra i pazienti.

L’Ospedale ha chiesto quindi aiuto all’Oeuvre d’Orient, organizzazione francese che da più di 150 anni è a servizio dei cristiani del Medio Oriente: occorre trovare 150mila dollari (circa 120mila euro) per l‘acquisto di attrezzature, compresi i respiratori che diano possibilità di sopravvivenza ai bambini con gravi lesioni. L‘ospedale non ne ha a sufficienza. L‘Oeuvre d‘Orient ha sbloccato in queste ore un aiuto di emergenza ma, spiegano i responsabili, “abbiamo bisogno anche del vostro impegno”.

Impegno che ha preso il Governo italiano nei confronti della popolazione di Gaza. È partito stamattina, base delle Nazioni Unite di Brindisi alla volta dell'aeroporto di Tel Aviv un volo umanitario della Cooperazione italiana con a bordo un carico di 30 tonnellate di aiuti umanitari. Una volta giunto a Tel Aviv, il carico sarà distribuito alla popolazione più bisognosa di Gaza dalle Nazioni Unite.

“In attesa che maturino le condizioni per un cessate-il-fuoco permanente - ha dichiarato il vice-ministro degli Esteri Lapo Pistelli, presente sul volo - l'Italia fa sentire in modo tangibile la propria vicinanza e solidarietà al popolo palestinese, che paga le conseguenze più gravi delle ostilità in corso”.

Il volo umanitario rientra nell'ambito di un più ampio piano di aiuti di emergenza –annunciato dal ministro Mogherini in Parlamento- avviato dall'Italia a favore della popolazione di Gaza, il cui ammontare complessivo ha superato finora i 2 milioni di Euro.