La Caritas al Forum Economico Mondiale per combattere la povertà

Lo scopo è rifocalizzare l'attenzione sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio

| 1208 hits

CITTA' DEL VATICANO, lunedì, 21 gennaio 2008 (ZENIT.org).- Il segretario generale di Caritas Internationalis, Lesley-Anne Knight, chiederà un rinnovato impegno contro la povertà ai più importanti leader politici ed economici del mondo, in occasione del Forum Economico Mondiale (FEM) a Davos (Svizzera), che inizierà il 23 gennaio.

Il segretario della Confederazione Caritas, che conta 162 organizzazioni cattoliche di aiuto, afferma che nella riunione di Davos l'obiettivo principale sarà riattivare l'impulso al raggiungimento degli otto Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM).

Con gli OSM, siglati nel 2000, tutti gli Stati membri dell'ONU si sono impegnati ad abbattere il livello di povertà e a realizzare lo sviluppo sostenibile nel mondo entro il 2015.

Per la Caritas, la maggior parte degli obiettivi non sarà raggiunta, a causa anche delle promesse non mantenute dalle Nazioni più ricche del mondo riguardo alla destinazione dello 0,7% del PIL all'Aiuto Pubblico allo Sviluppo.

Il FEM annuale riunisce i leader mondiali dell'economia e della politica, Capi di Stato e artisti, studiosi, rappresentanti religiosi e della società civile. Sarà la prima volta in cui un segretario generale di Caritas Internationalis, in questo caso una donna, assisterà all'evento.

La Caritas ritiene importante impegnare i politici su temi come i cambiamenti climatici, la povertà, lo sviluppo, il governo mondiale, l'emigrazione, il dialogo interreligioso e il consolidamento della pace.

Come sostiene la Knight, “è una grande occasione per assicurare che i più poveri del mondo non siano dimenticati quando i leader economici e politici mondiali pianificano il nostro futuro”.

“Spero che tra i partecipanti ci sia un autentico desiderio di affrontare le disuguaglianze – ha aggiunto –. Io approfitterò di tutte le opportunità che mi si presenteranno per esortare i leader mondiali, soprattutto quelli delle Nazioni più ricche, a mantenere i loro impegni perché si possano raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio”. 

Circa il motto del Forum di quest'anno: “Il potere dell'innovazione collaboratrice”, la Knight si dice “convinta che occorre studiare un modo affinché la Caritas possa collaborare con innovazione, approfittando della perizia e della buona volontà esistenti nella comunità del FEM”.

Le organizzazioni che fanno parte della Caritas parteciperanno, in varie parti del mondo, ad atti convocati in occasione del Forum Sociale Mondiale, che offre uno spazio di dibattito sulle alternative possibili nello sviluppo sostenibile.