La Chiesa cattolica Scozzese invita le parrocchie a vedere il film “La Passione di Cristo”

| 1102 hits

GLASGOW, martedì 16 marzo 2004 (ZENIT.org).- Questa settimana il Catholic Media Office manderà un messaggio a tutte le parrocchie cattoliche scozzesi per promuovere il film “La Passione di Cristo”.



Il messaggio includerà una lettera del vescovo Joseph Devine, Vescovo di Motherville e Presidente della National Communication Commission, in cui egli descrive il film come “il più efficace che abbia mai visto”, e aggiunge che “è innegabilmente un film profondamente religioso, che credo non cerchi di attaccare o demonizzare nessun gruppo”.

“Il messaggio centrale del film è quello che Cristo ha sofferto ed è morto per redimere l’umanità”, ha scritto il Vescovo di Motherville.

“Il film mostra la sofferenza di Gesù in forma viva, cruda, brutale, - ha precisato il prelato - e lo fa per arrivare al verità centrale del messaggio cristiano”.

Monsignor Devine conclude affermando che si tratta della “più autentica descrizione della Passione che sia mai stata realizzata in un film" aggiungendo ancora "vorrei che tutte le persone lo vedessero prima di esprimere un giudizio”.

Il film uscirà in 24 sale cinematografiche scozzesi il 26 marzo prossimo.

In Scozia ci sono 472 parrocchie cattoliche, per una popolazione cattolica di circa 750.000 persone.

Nel frattempo, “La Passione di Cristo” è stato il film più visto per il terzo weekend consecutivo nei cinema statunitensi, registrando ai botteghini un guadagno di 31.7 milioni di dollari, con un incasso complessivo di 264 milioni in 19 giorni di programmazione.

Il film può ora fare concorrenza agli incassi ottenuti dal film “Il Signore degli Anelli: il Ritorno del Re” diretto da Peter Jackson, o addirittura superarli.

Per maggiori informazioni collegarsi alla pagina web del Catholic Media Office http://www.scmo.org