La Chiesa italiana dona un milione di euro per i terremotati dell'Emilia

Un primo contributo da parte della CEI , in attesa di un quadro più dettagliato delle necessità

| 2080 hits

CITTA' DEL VATICANO, giovedì, 31 maggio 2012 (ZENIT.org) -  Dopo la cifra simbolica di 100 mila euro donata dal Papa sabato scorso, la CEI - Conferenza Episcopale Italiana - ha stanziato un milione di euro per fronteggiare l'emergenza terremoto in Emilia.

Secondo quanto riferito dalla Radio Vaticana, si tratta solo di una donazione iniziale che non sarà certo l'ultima, in attesa di avere un quadro più completo delle necessità.

''Mentre la terra continua a tremare in Emilia, con nuove vittime, migliaia di sfollati e danni ingenti a case, palazzi e chiese, la presidenza della Conferenza episcopale, con il consenso dell'Assemblea generale - riferisce una nota della CEI - ha stanziato un milione di euro come primo contributo per fronteggiare la prima emergenza''. 

''Da tutta Italia - si legge nel documento - le Caritas hanno gia' manifestato vicinanza e disponibilita' ad aiutare: e' stato aperto un centro di coordinamento Caritas a Finale Emilia e ci s'impegna a un affiancamento duraturo, nel medio e lungo termine, nella fase piu' difficile della ricostruzione materiale e del tessuto sociale, con attenzione alla ricostruzione socio-economica, all'animazione e ai luoghi di aggregazione delle comunita'''.

La scorsa settimana, sabato 26 maggio, invece, era stato stanziato un ''contributo straordinario'' di 100 mila euro da papa Benedetto XVI, tramite il Pontificio Consiglio Cor Unum, ''a sostegno delle attivita' di assistenza svolte dalla Chiesa cattolica in favore delle vittime''.

Inoltre i vescovi hanno stabilito di indire una Colletta nazionale che verrà svolta in tutte le chiese italiane domenica 10 giugno, solennità del Corpus Domini. Il ricavato dovrà essere consegnato tempestivamente da tutti i parroci alle rispettive Caritas diocesane, che provvederanno a inoltrarlo a Caritas italiana, già operativa nelle zone colpite con un proprio Centro di coordinamento. 

In occasione del terremoto d'Abruzzo del 2009 le diocesi riuscirono a raccogliere circa 27 milioni di euro. Si spera di raggiungere la stessa cifra e più anche per l'Emilia-Romagna. 

[Fonte: Radio Vaticana]