"La cintura di Perseo. Dal mito della Grande Madre all'alfabeto galattico", di G. Sermonti

Segnalazioni librarie da parte delle Edizioni Lindau

Roma, (Zenit.org) | 405 hits

Nel 1960 l’archeologo inglese James Mellaart scopre a Çatal Hüyük, nel cuore dell’altipiano anatolico, una straordinaria città senza tetti, senza strade e senza porte, fiorita 9000 anni fa. Gli stupendi affreschi delle sue case-tempio narrano una storia grandiosa e antichissima, che Giuseppe Sermonti – biologo, saggista ed ermeneuta di fiabe – ripercorre in questo volume, ricostruendo un’affascinante trama di risonanze e di rimandi. Tra gli affreschi di Çatal Hüyük si intravedono il mito della nascita di Venere dalle membra uraniche e quello di Perseo, ma anche la forma delle costellazioni, segni eterni dell’alfabeto celeste.

L’autore, basandosi su una mansione lunare per ogni costellazione, dimostra la corrispondenza tra segni zodiacali e grafemi, fra le costellazioni dell’emisfero boreale e le lettere degli alfabeti fenicio- greco-latino. In quale plaga giace un’altra dozzina di lettere a completare l’alfabeto? Queste splendono sulla grigia pista delle notti, intitolata alla Via Lattea. Continuando il corteo zodiacale, esse si inerpicano verso il Polo, in buon ordine, splendendo nel pulviscolo galattico, che le sommerge, le cinge o le sfiora. Le riconosciamo partendo dall’Equatore e confrontandole con le lettere latine. L’alfabeto astrale scavalca la cupola della notte su due immense circonferenze. L’una, l’eclittica, abitata da animali (Zodiaco), l’altra, la Via Lattea, pista di eroi caduti. Vi si narra la saga di Perseus, che una strettoia della via cinerea taglia, come cintura alla vita della grandiosa π (pi greca).

L'AUTORE

Giuseppe Sermonti (Roma, 1925), genetista dal 1950 presso l’Istituto Superiore di Sanità in Roma, ha fondato la genetica dei microrganismi produttori di antibiotici e ha presieduto la International Commission for Genetics of Industrial Microorganisms. Nel 1964 vince una cattedra di Genetica e nel 1970-71 presiede l’Associazione Genetica Italiana. Nel 1980 è eletto alla vicepresidenza del XIV Congresso Internazionale di Genetica a Mosca. Lo stesso anno è chiamato alla direzione della «Rivista di Biologia» (fondata nel 1919). In quel periodo inizia la sua critica allo Scientismo e all’Evoluzionismo darwiniano, che lo isola dall’establishment accademico.

Nel 1982 l’Accademia Pontificia lo invita a partecipare a un gruppo di lavoro sull’Evoluzione dei Primati. Nel 1986 è tra i fondatori, a Osaka, del gruppo degli Strutturalisti dinamici, di cui la «Rivista di Biologia» diviene l’organo. Alla ricerca dei significati non utilitaristi della scienza, indaga e scopre leggi naturali e tecniche chimiche nelle fiabe del focolare. Scrive e rappresenta drammi sui protagonisti della scienza. Nel 2004 riceve il Premio per la Cultura della Vicepresidenza del Consiglio per le sue ricerche e critiche scientifiche. Pubblica indagini sulla nascita degli alfabeti dalle costellazioni dello Zodiaco.

Tra le sue opere ricordiamo Il Tao della biologia. Saggio sulla comparsa dell’uomo,Una scienza senz’animaAlchimia della fiaba edite dalla nostra casa editrice.

DATI BIBLIOGRAFICI

AUTORE: Sermonti G. 
La cintura di Perseo. Dal mito della Grande Madre all'alfabeto galattico
COLLANA: Biblioteca
PAGINE: pp. 216
ILLUSTRAZIONI: N° 
FORMATO: cm. 14x21
PREZZO: euro 22,00
ISBN: 9788867080939

COME ORDINARE