La conoscenza scientifica a servizio della Nuova evangelizzazione

Il premio Nobel Warner Arber spiega come la Pontificia Accademia delle scienze sta contribuendo all'Anno della Fede

| 793 hits

di A.G.

CITTA’ DEL VATICANO, giovedì, 8 novembre 2012 (ZENIT.org) - Il Premio Nobel Warner Arber, Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze (PAS), ha ringraziato il Santo Padre, per la costante sollecitudine e per l’illuminante saggezza con cui sta conducendo la Nuova Evangelizzazione e l’Anno della Fede.

Nel corso dell’udienza con il pontefice Bendetto XVI che si è svolta oggi, il prof. Arber ha detto: “Santità, mi lasci dire che siamo particolarmente soddisfatti delle attività e del lavoro dell’Accademia negli ultimi due anni”.

“Abbiamo organizzato e svolto - ha spiegato -  tre incontri internazionali sui temi riguardanti il Destino dei ghiacciai nell’Antropocene , la Fisica subnucleare e i nuovi sviluppi nella ricerca delle cellule staminali, con le possibili applicazioni in medicina e in questa plenaria abbiamo trattato il tema della Neurologia come un esempio di complessità.

Circa gli incontri futuri il Presidente della PAS ha precisato: “Vorremmo rendere disponibile la conoscenza scientifica per lo sviluppo sostenibile dell’umanità che possa servire allo sviluppo sostenibile a lungo termine della natura”.

“La PAS sta provando a compiere la sua missione di interpretare in modo critico le acquisizioni scientifiche e le sue applicazione soprattutto in questo anno della Nuova evangelizzazione e della Fede”.

“Ci sentiamo molto fortunati ad avere un Papa che è venuto dalla nostra Accademia - ha aggiunto - siamo consapevoli della Vostra comprensione, siamo vicini alle Vostre preoccupazioni e alla vostra missione di insegnare la Verità, il Bene e la Giustizia. pertanto, vostra Santità, non vediamo l'ora di ascoltare le vostre parole sagge che sicuramente potranno illuminare e guidare il corso d’azione della nostra accademia”.


Il prof. Arber ha concluso affermando: “Siamo quindi particolarmente grati per averci concesso questa udienza”.