La Fiaccola di San Benedetto verrà accesa a Londra

E' la prima volta che visita il Regno Unito

| 1041 hits

LONDRA, giovedì, 17 febbraio 2011 (ZENIT.org).- La Fiaccola di San Benedetto visiterà per la prima volta il Regno Unito per una cerimonia a Londra.



L'iniziativa della fiaccola è nata nel 1964, quando Papa Paolo VI ha proclamato San Benedetto da Norcia patrono d'Europa. Simboleggia la pace, la speranza e l'unità, ed è parte di un pellegrinaggio annuale al santuario del santo a Cassino.

Lo scorso anno il pellegrinaggio è iniziato a Colonia (Germania). In precedenza, la fiaccola ha anche viaggiato alla volta di New York per portare un messaggio di speranza dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001.

Quest'anno, la fiaccola sarà accesa durante una celebrazione ecumenica nell'abbazia di Westminster il 2 marzo.

Il giorno dopo sarà trasferita nella Cattedrale di Westminster per una Messa celebrata dall'Arcivescovo Vincent Nichols, alla quale assisteranno l'abate di Monte Cassino, padre Pietro Vittorelli, e l'Arcivescovo di Spoleto-Norcia, monsignor Renato Boccardo.

“La Fiaccola benedettina, che apre le celebrazioni per il santo patrono d'Europa, ci ricorda la nostra comune eredità europea e cristiana”, ha spiegato padre Vittorelli.

“Nel corso dei secoli, la cultura cristiana ha modellato la storia europea, ed è stata la sua luce nei periodi più bui”, ha aggiunto.

“Oggi, l'Unione Europea rappresenta una comune realtà politica, sociale e culturale tenuta insieme e rafforzata dalle sue varie identità nazionali”.

La festa di San Benedetto, ha sottolineato l'abate, “ci aiuterà a ricordare le origini cristiane dell'Europa e a comprendere meglio come questo background abbia formato la cultura e la società europea in passato e continui a farlo anche oggi”.

Dopo l'accensione, la fiaccola verrà portata in pellegrinaggio dai Benedettini dell'abbazia di Montecassino, dove arriverà il giorno precedente la festa di San Benedetto, il 20 marzo.

I pellegrini faranno una sosta a Roma, dove la fiaccola sarà benedetta da Papa Benedetto XVI.