La grande giornata dei volontari impegnati in sanità

Appuntamento domani nella Università Statale di Milano. Secondo l'Istat sono 340mila, le persone impegnate nel volontariato in 11mila associazioni

Milano, (Zenit.org) | 190 hits

Vita, in occasione della Giornata Mondiale del Volontariato che si celebra ogni anno il 5 dicembre, lancia gli Stati Generali del Volontariato in Sanità. Il luogo scelto per questo momento è molto significativo: l'Aula Magna dell'Università Statale di Milano. Qui all'origine c'era il primo ospedale della città, una delle prime strutture costruite in Italia per curare e assistere le persone. Era un ospedale che adottava principi molto moderni per i tempi, soprattutto dal punto di vista delle garanzie igieniche, ma soprattutto era un ospedale che per secoli si resse sulle donazioni dei cittadini. Un luogo quindi profondamente simbolico per accogliere oggi i volontari impegnati nella sanità.

Messi tutti insieme - dice l'Istat che li ha contati nel suo recente Censimento - i volontari impegnati in sanità sono 340mila, il 7% dei volontari italiani: appartengono a 11mila istituzioni non profit (il 3,6% delle INP italiane), al fianco di 173mila addetti retribuiti (il 18% dei lavoratori retribuiti di tutto il non profit). Quasi uno su quattro di loro, molti più che in altri settori d'attività, ha fra i 55 e i 64 anni (sono il 23,8% dei volontari attivi in sanità, contro una media nazionale del 15,9%), anche se c'è da dire che pure sui giovani (19-29 anni) la sanità attrae più della media (16,9% contro una media nazionale del 15,9%).

«Se consideriamo anche il capitolo assistenza sociale e protezione civile, dove si erogano servizi contigui all'ambito sanitario come la donazione di sangue e il trasporto, possiamo aggiungere altri 563mila volontari attivi», spiega in un comunicato Sabrina Stoppiello, responsabile del censimento delle Istituzioni non profit dell'Istat, che aprirà i lavori degli Stati Generali.

«Le non profit attive in questo settore sono tra le più grandi e strutturate, con un numero medio di volontari molto più alto della media nazionale e con molti addetti retribuiti», continua. Si tratta cioè di realtà che creano lavoro: «Queste istituzioni in particolare hanno vissuto un processo di consolidamento rispetto al censimento precedente, con un +30,9% di addetti retribuiti: fatti cento gli addetti retribuiti nella sanità, nel 2001 quelli del non profit erano 18  oggi sono 24. Non parlerei però di sostituzione rispetto al pubblico, ma di integrazione».

L'appuntamento è a partire dalle 14,30 con la partecipazione Gianluca Vago, Rettore Università Statale di Milano, Giancarlo Cesana, Presidente Fondazione Ca' Granda, Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, Pierfrancesco Majorino, assessore alle politiche Sociali e Cultura della Salute del Comune di Milano. Seguiranno tre sessioni molto dense, in cui si alterneranno una quindicina di protagonisti a raccontare l'intero arco dell'impegno dei volontari in Sanità. La prima sessione è dedicata alle realtà che lavorano nelle corsie degli ospedali: sono centinaia di realtà impegnate su più fronti. Verranno raccontate realtà storiche come Avo e Abio. Ma ascolteremo esperienze molto innovative come quelle degli Angeli rosa dell'Ospedale del Bambin Gesù di Roma. 

La seconda sessione invece è dedicata al tema della deospedalizzazione, cioè alle tante realtà non profit in prima linea nell'organizzazione delle cure domiciliari, frontiera del welfare di domani. Infine la terza sessione dedicata ai volontari impegnati al fianco delle persone con disabilità gravi: l'approccio alla fragilità richiede percorsi formativi nuovi. Tra una sessione e l'altra i Donatori di Voce, un'associazione veneta che porta lettori nei reparti di oncologia e pediatria, per leggere pagine di libri, proporrà brevi testi dal loro repertorio.

Il 9 dicembre la Relazione salutare sarà anche una mostra fotografica realizzata con Shoot4change, associazione di fotografi. La mostra che racconta per immagini la vita dei volontari in sanità verrà allestita nella centralissima Piazza Castello di Milano, sino al 23 dicembre.