La Gregoriana prega per Papa Francesco

Il saluto del Rettore François-Xavier Dumortier, S.I., al Dies Academicus 2013

Roma, (Zenit.org) | 733 hits

Durante i lavori per il Dies Academicus - l'annuale giornata tematica di riflessione proposta dell'Università a tutte le proprie Unità accademiche - il Rettore Magnifico della Pontificia Università Gregoriana, Padre François-Xavier Dumortier S.I. ha invitato tutti i presenti alla preghiera per il nuovo Servo dei servi di Dio.

L'Aula Magna della Gregoriana è esplosa in un lunghissimo applauso appena il Rettore ha nominato «Papa Francesco». Un secondo applauso è risuonato appena il Rettore ha menzionato, non senza emozione, la sua appartenenza alla Compagnia di Gesù. Infine l'invito al raccogliemento e alla preghiera: gli oltre 350 presenti nell'Aula si sono alzati in piedi come un sol uomo per la recita del Padre Nostro e la successiva preghiera silenziosa.

Di seguito il testo integrale del saluto del Rettore Magnifico:

***

Carissimi professori e docenti, 
Carissimi studenti, 
Carissimi amici,

Sono veramente e profondamente felice di darvi il benvenuto all’inizio di questo secondo momento del Dies Academicus che ha come tema L’evento conciliare nella vita della ChiesaQuando abbiamo fissato la data di questoDies academicus, non potevamo certo prevedere che questo giorno seguisse l’elezione, ieri sera, del Cardinale Bergoglio come Papa Francesco [Lunghissimo applauso].

Tutti noi siamo ancora impressionati da questa elezione che ci tocca direttamente, perché il nostro nuovo Papa è gesuita [secondo lungo applauso], proviene «da quasi la fine del mondo» secondo le sue stesse parole, e ci offre il volto di un uomo umile, discreto, dedicato alla cura del suo popolo e in primo luogo ai poveri.

In quanto comunità universitaria, con numerosi studenti che provengono da tutto il mondo – e specialmente dall’America Latina – vogliamo stamattina pregare per Lui, affinché il Signore gli conceda la Sua grazia per guidare e governare la Chiesa sui cammini di questo nostro tempo, nel quale dobbiamo «rispondere a chiunque ci domandi ragione della speranza che è in noi» (1 Pt 3, 15) e testimoniare l’ardente amore e la viva speranza che il Signore ha acceso in noi.

Vi invito ad alzarvi in piedi per pregare insieme il Padre Nostro, seguito da un momento di silenzio e un’orazione conclusiva.

[Segue la recita del Padre Nostro e un momento di preghiera silenziosa]

O Dio, 
che nella serie dei successori di Pietro hai scelto il tuo servo Francesco
come Vicario di Cristo sulla terra e Pastore di tutto il Suo gregge,
fa’ che egli confermi nella fede i suoi fratelli
e tutta la Chiesa sia in comunione con Lui nel vincolo dell’unità, dell’amore e della pace.

O Dio, nostro Padre,
dona al tuo servo Francesco, che hai scelto per guidare il tuo popolo,
la luce e la forza del tuo Spirito nella sua missione al servizio del Tuo popolo
affinché la Chiesa, fedele alla propria missione,
condivida sempre la gioia e la speranza dell’umanità
e si riveli come lievito e anima del mondo per trasformarlo nella tua famiglia.