"La legge anti-conversione viola la Costituzione"

Una sentenza storica per i cristiani indiani emessa dall'Alta Corte dell'Himachal Pradesh

| 722 hits

ROMA, domenica, 2 settembre 2012 (ZENIT.org).- La legge anti-conversione approvata nello stato del Himachal Pradesh (nel Nord dell’India) è, in alcune parti, “anticostituzionale”. Infatti “una persona non solo ha il diritto alla libertà di coscienza, il diritto a professare una fede, il diritto di modificare la sua fede, ma ha anche il diritto di tenere le sue convinzioni segrete”.

E’ una sentenza storica quella dell’Alta Corte dell’Himachal Pradesh, emessa dai giudici Deepak Gupta e Rajiv Sharma. Il ricorso era stato presentato nel 2011 da un gruppo di organizzazioni cristiane che avevano impugnato la “Legge sulla Religione”, emanata nel 2006 ed entrata in vigore nel 2007.

La Corte ha dichiarato che “la Sezione 4 del provvedimento e gli artt. 3 e 5 del documento applicativo violano disposizioni costituzionali”. Tali norme dichiaravano illegittima la libera conversione da una religione all’altra, consentendola solo dopo una lunga procedura, indagini e autorizzazioni di un magistrato, e comminando, in caso contrario, multe e sanzioni. 

In un comunicato inviato a Fides, il Consiglio Globale dei Cristiani Indiani (Gcic), accogliendo con favore la sentenza, ringrazia gli avvocati di diverse religioni che si sono impegnati nel ricorso, sostenendo che la legge viola alcuni diritti fondamentali dei credenti. Il Consiglio, ricordando che “tutte le conversioni, avvenute per libero arbitrio, sono legali, sollecita i governi centrali e statali alla protezione di tutti i credenti che esercitino tale diritto”.

P. Dominc D’Abrio, portavoce della Conferenza Episcopale dell’India, nota a Fides: “E’ un passo molto positivo, i cristiani ne avranno grande beneficio. La sentenza potrebbe costituire un precedente e avere un effetto domino, incoraggiando ricorsi contro altre leggi anticonversione, dello stesso genere, in vigore in altri stati della Federazione indiana”.

Il primo stato ad approvare una legge che vieta le conversioni è stato l’Orissa nel 1967, seguito dal Madhya Pradesh nel 1968 e dall’Arunachal Pradesh nel 1978. Il governo del partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (BJP) l’ha introdotta in Gujarat nel 2003 e in Chhattisgarh nel 2006, l'anno dopo è entrata in vigore anche in Himachal Pradesh. Secondo i cristiani, tali leggi, limitando il diritto fondamentali alla libertà religiosa, sono strumenti nelle mani di gruppi estremisti indù, che accusano i cristiani di “proselitismo e conversioni forzate”. Sono utilizzate per colpire le minoranze religiose, avvelenando il tessuto sociale e seminando odio all'interno della società indiana. 

(Fonte: Agenzia Fides, del 31 agosto 2012)