La parrocchia di San Patrizio accoglie il Papa

Benedetto XVI si recherà domani in visita alla comunità di Colle Prenestino

| 954 hits

ROMA, sabato, 15 dicembre 2012 (ZENIT.org).- Domani, domenica 16 dicembre, la parrocchia di San Patrizio a Colle Prenestino, nel settore Est della diocesi di Roma, riceverà la visita del Santo Padre che sarà accolto dal cardinale vicario Agostino Vallini, dal vescovo ausiliare Giuseppe Marciante e da giovani coppie con i bambini battezzati in questo ultimo anno. Alle 10, dopo aver incontrato i sacerdoti della parrocchia e della XVIII prefettura, Benedetto XVI presiederà la Messa. Al termine della liturgia si fermerà qualche minuto nella cappella feriale insieme agli anziani e agli ammalati. Rientrerà dunque in Vaticano dove, durante l’Angelus delle 12, come è tradizione nella domenica “Gaudete”, benedirà i bambinelli che verranno deposti nei presepi delle case. 

Il territorio dove sorge la chiesa di San Patrizio conta oggi poco meno di 8mila abitanti. A guidare questa parrocchia, da tre anni, è il sacerdote romano quarantaduenne don Fabio Fasciani, che spiega: «Il quartiere Colle Prenestino si è sviluppato tra il 1970 e il 1980 sull’onda dell’abusivismo edilizio, senza quindi un piano regolatore che prevedesse piazze o luoghi di incontro. Viene da sé che questo è l’unico vero punto di riferimento e di aggregazione della zona, che dall’anno scorso è stata anche provvista di un piccolo parco qui vicino». Don Fabio Fasciani è subentrato alla guida di San Patrizio nel settembre 2009 succedendo a monsignor Arnaldo D’Innocenzo, parroco per ben trentasei anni, dal 1977.

Istituita come vicecura il 1° luglio 1973 dall’allora cardinale vicario Ugo Poletti, San Patrizio fu eretta parrocchia il 7 novembre 1975 e affidata al clero diocesano di Roma. Per 34 anni la vita pastorale dei suoi fedeli si è svolta tra via Acerno, dove erano i tre locali per la catechesi, e via Acerra, che ospitava il salone in cui si celebravano le Messe. È datata 18 marzo 2007, invece, la dedicazione del nuovo complesso parrocchiale di via Caiazzo 74, che oggi ha anche un campo di calcio a cinque in cui si allenano i ragazzi della squadra che porta il nome del santo patrono d’Irlanda.