La presenza del Cammino Neocatecumenale alla GMG

Più di 40.000 giovani del movimento partecipano a Rio 2013

Roma, (Zenit.org) Redazione | 1028 hits

Il Cammino Neocatecumenale sarà presente alla Giornata Mondiale della Gioventù, che quest’anno si terrà a Rio de Janeiro.

Più di 40.000 giovani del Cammino provenienti da tutto il mondo stanno arrivando in Brasile per partecipare ai vari eventi, insieme a Papa Francesco.

Durante i primi giorni, la loro missione sarà quella di evangelizzare e diffondere il kerigma (la Buona Notizia) per le strade di varie città del Paese, dando la loro testimonianza e cantando accompagnati da chitarre e altri strumenti musicali, sull’esempio di come il Cammino aveva già fatto nel tempo di Pasqua in 10.000 piazze di tutto il mondo.

I giovani sono già arrivati in Brasile. I più numerosi saranno i giovani che arrivano da tutto il Brasile (10.000), dagli Stati Uniti (4.000), dall’ Italia (4.000) e dalla Spagna (2.700).

Nel pomeriggio di lunedì 29 dopo la vigilia di preghiera e la messa di chiusura presiedute da papa Francesco, il Cammino Neocatecumenale - come in ogni GMG - celebrerà un Incontro dei giovani nel quale si chiederanno vocazioni alla vita contemplativa e al sacerdozio, come uno dei primi frutti della GMG.

L’incontro sarà presieduto dall’arcivescovo di Rio de Janeiro, monsignor Orani Tempesta, accompagnato da vari cardinali, circa 60 vescovi e numerosi sacerdoti, e verrà portato avanti dagli iniziatori e responsabili a livello internazionale del Cammino Neocatecumenale, Kiko Argüello, Carmen Hernández e il presbitero Mario Pezzi.

L’incontro avrà inizio con la presentazione dei Paesi accorsi e quella dei vescovi e arcivescovi che li accompagnano. In seguito, verrà fatta una processione nella quale verrà introdotta la Vergine della Peña, patrona di Rio, che anticiperà la proclamazione di un Vangelo cantato. L’arcivescovo farà l’omelia e ad essa seguirà il kerigma annunciato da Argüello.

Infine, verranno fatte le chiamate vocazionali, nelle quali i 40.000 tra ragazze e ragazzi saranno invitati ad offrire la loro vita a Gesù Cristo.

L’incontro sarà trasmesso in diretta su varie televisioni e radio di tutto il mondo.