La riforma della Chiesa esige vescovi santi, dice il Papa

Rivolgendosi al primo gruppo di vescovi statunitensi in visita “ad limina”

| 189 hits

CITTA’ DEL VATICANO, venerdì 2 aprile 2004 (ZENIT.org).- Ricevendo il primo gruppo di prelati statunitensi in visita “ad limina Apostolorum”, Giovanni Paolo II ha affermato che la necessaria riforma della Chiesa negli Stati Uniti richiede innanzitutto “un rinnovamento interiore” e “la conversione” dei vescovi.



Nel suo incontro con i pastori delle province ecclesiastiche di Atlanta e Miami, il Santo Padre ha prospettato la prima sfida a dover essere affrontata dalla comunità cattolica statunitense, sconvolta dagli scandali che hanno coinvolto alcuni sacerdoti: “il rinnovamento dell’ufficio episcopale”.

“La storia della Chiesa dimostra che non ci può essere alcuna riforma effettiva senza un rinnovamento interiore”, ha insistito. “Ciò vale non solo per gli individui, ma anche per ogni gruppo o istituzione all’interno della Chiesa”.

“Nella vita di ogni vescovo, la sfida del rinnovamento interiore deve includere una totale comprensione del suo compito di pastor gregis, affidatogli dalla volontà di Cristo, che gli ha dato uno specifico ministero di autorità pastorale nella Chiesa e la responsabilità e il potere apostolico che accompagnano il ministero stesso”, ha aggiunto.

Per questo, l’“autorità apostolica” del vescovo “deve essere vista innanzitutto come una testimonianza religiosa del Signore Risorto, della verità del Vangelo e del mistero della salvezza presente e operante nella Chiesa”.

“Il rinnovamento della Chiesa è legato in modo molto stretto al rinnovamento dell’ufficio episcopale”, ha riconosciuto il Papa. “Dato che il vescovo è chiamato ad essere un alter Christus, un vicario di Cristo nella sua chiesa locale e per essa, deve essere il primo a conformare la sua vita a Cristo vivendo nella santità e nella conversione costante”.

“Solo concentrandosi in Cristo e acquisendo un modo di pensare spirituale e dinamico sarà capace di realizzare realmente il suo ruolo di successore degli Apostoli, guida della comunità di fede e coordinatore dei carismi e delle missioni che lo Spirito Santo dona continuamente alla Chiesa”.