La Sacra Sindone come portatrice del dialogo interreligioso

E' l'idea della giornata studio organizzata dal gruppo di ricerca universitario Othonia, in collaborazione con l'Istituto Scienza e Fede dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum

| 726 hits

di Daniele Trenca

ROMA, lunedì, 5 novembre 2012 (ZENIT.org).– Un lenzuolo di lino con impressa l'immagine di un uomo torturato, che i fedeli identificano in Gesù. A distanza di oltre due millenni la Sindone (dal greco sindon, che indica un tessuto di lino di ottima qualità) non smette di affascinare credenti e non. Per i suoi aspetti ancora inspiegabili è oggetto di indagine interdisciplinare ed è attualmente uno dei documenti più studiati al mondo.

Partendo da questo presupposto è stata organizzata una giornata studio il prossimo 7 novembre presso l'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. Si cercherà di capire cosa ruota intorno a questo prezioso documento custodito nel Duomo di Torino, risalente ad oltre duemila anni fa. Una giornata di dialogo interreligioso dove esponenti del mondo ebraico, cristiano e musulmano si confronteranno sulla Sindone.

Gli uomini attendono dalle varie religioni, la risposta ai tanti enigmi della condizione umana, che oggi come ieri turbano profondamente il cuore di ogni persona: la sua natura, il senso della vita, il bene e il male, l'origine e lo scopo del dolore, la via per raggiungere la felicità, la morte e il giudizio finale.

All'incontro saranno presenti il Prof. Bruno Di Porto della comunità ebraica Lev Chadash, Barrie Schwortz, presidente STERA, l'Imam Yahya Pallavicini, Presidente della Comunità Religiosa Islamica Italiana, il Prof. Bruno Barberis, Direttore del Centro Internazionale di Sindonologia di Torino e Padre Gianfranco Berbenni ofm cap. A fare gli onori di casa Padre Rafael Pascual L.C., Direttore dell'Istituto Scienza e Fede dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum.

La giornata sarà divisa in due momenti: l'incontro della mattina sarà a porte chiuse, e riservato dunque agli esperti. Il dibattito si incentrerà su tre argomenti: l'approccio scientifico utilizzato per l'analisi di un documento storico soffermandosi sul rapporto tra scienza e fede; l'immagine impressa sulla Sindone, che porta a riflettere sul mistero della sofferenza e sul suo significato, che ognuna delle tre religioni offre all'intera umanità e infine la relazione tra l'uomo della Sindone e Gesù, così come ciò che Egli rappresenta per gli ebrei, per i cristiani e per i musulmani.

I risultati della discussione della mattinata verranno presentati al pubblico alle 15:30 nell'Aula Magna dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum.