La solennità dei santi Florido e Amanzio, patroni della diocesi di Città di Castello

Hanno dato vita a una Chiesa autentica, animata dalla fede e dalla carità

| 700 hits

CITTA’ DI CASTELLO, sabato, 10 novembre 2012 (ZENIT.org).- Si avvicina, per la chiesa tifernate, la festa dei patroni, i santi Florido ed Amanzio.

San Florido, vescovo nacque proprio a Città di Castello (allora denominato Tifernum Tiberinum) attorno al 520. Attorno all’anno 542 il vescovo lo nominò diacono. Qualche tempo dopo Florido, insieme ai suoi compagni Amanzio e Donnino, fuggì a Perugia, poiché Città di Castello era stata assediata dalle truppe di Totila. Qui il vescovo Ercolano, dopo averlo conosciuto e apprezzate le sue doti lo ordinò sacerdote. Dopo un lungo assedio anche Perugia cedette ai barbari: il vescovo Ercolano fu ucciso. Florido fece ritorno a Città di Castello, che trovò distrutta. Nella drammatica situazione seppe tenere unita la popolazione e organizzare la ricostruzione. Aiutandosi l’un l’altro come fratelli, Florido vescovo, Amanzio sacerdote e Donnino laico/eremita hanno dato vita a una Chiesa autentica, animata dalla fede e dalla carità, fondata sulla certezza dell’amore di Dio che dà la forza di costruire le mura, le case, il castello, le strade, ma soprattutto di ricostruire una comunità umana e cristiana. Il papa Pelagio, accogliendo la preghiera dei cittadini, nominò Florido vescovo. Egli fu impegnato sempre nel predicare la Parola di Dio, vivendo con giustizia e carità. Morì a Pieve de’ Saddi il 13 novembre 599.

Il programma religioso della festa dei santi Florido e Amanzio.

Lunedì 12 novembre alle ore 18.30 nella Cripta della Cattedrale di Città di Castello (Duomo di sotto) la Santa Messa della Solennità dei santi patroni celebrata dai membri del capitolo con il canto dei Primi Vespri.

Alle ore 21 avrà luogo “PORTAMI AL CENTRO” la Veglia di preghiera organizzata dalla Pastorale Giovanile

A partire dalle ore 20.45 i giovani si ritroveranno nei pressi delle porte della città.

A porta santa Maria Maggiore (chiesa di Santa Maria Maggiore) quelli delle parrocchie della zona sud.

A porta San Giacomo (chiesa della Madonna delle Grazie) quelli della zona nord

A porta Sant’Egidio (chiesa di San Francesco) quelli della zona centro.

Quindi si dirigeranno in Cattedrale ove si svolgerà la seconda parte della preghiera.

Martedì 13 novembre, giorno della solennità, nella Cattedrale di Città di Castello saranno celebrate le messe alle ore 7, 8, 9, 10, 11, 12.

Nel pomeriggio, alle ore 18, il vescovo presiede la Celebrazione eucaristica. Concelebrano il vescovo emerito e il clero della diocesi. La celebrazione sarà trasmessa dall’emittente Tele Radio Gubbio (canale 211).