La teologia oggi: prospettive, principi e criteri

Pubblicato il nuovo documento della Commissione Teologica Internazionale

| 1338 hits

CITTA’ DEL VATICANO, giovedì, 8 marzo 2012 (ZENIT.org) – È stato pubblicato oggi sul sito ufficiale della Santa Sede un nuovo documento della Commissione Teologica Internazionale dal titolo Theology Today: Perspectives, Principles and Criteria (“La teologia oggi: prospettive, principi e criteri”).

Il testo segue un altro documento della Commissione Teologica, Alla ricerca di un’etica universale: nuovo sguardo sulla legge naturale (2009), anch’esso realizzato per esaminare questioni dottrinali di fondamentale importanza.

Il documento odierno è stato pubblicato anche sulla rivista Origins. CNS Documentary Service e sul sito internet della Conferenza Episcopale degli Stati Uniti d’America. Una traduzione italiana sarà prossimamente disponibile su La Civiltà Cattolica e successivamente sono previste anche le traduzioni nelle principali lingue.

Il documento, la cui preparazione fu iniziata nel precedente quinquennium 2004-2008, nella sottocommissione presieduta da P. Santiago del Cura Elena, è stato redatto, tenendo presente lo studio svolto, durante l’attuale quinquennium nella sottocommissione presieduta da Mons. Paul McPartlan.

Il documento esamina alcune questioni attuali della teologia e propone, alla luce dei principi costitutivi della teologia, i criteri metodologici che sono determinanti per la teologia cattolica rispetto ad altre discipline affini, come le scienze religiose.

Il testo è distribuito in tre capitoli: la teologia presuppone l’ascolto della Parola di Dio accolta nella fede (cap. 1); la si esercita nella comunione della Chiesa (cap. 2); e mira a dare ragione di un modo scientifico di accostarsi alla verità di Dio in una prospettiva di autentica saggezza (cap. 3).

Il testo è stato approvato in forma specifica dalla Commissione Teologica Internazionale il 29 novembre 2011 ed è stato sottoposto al Presidente della medesima, il Cardinale William Levada, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, che ha autorizzato la sua pubblicazione.