Laurea honoris causa in Teologia a p. Cesare Cenci, OFM

| 999 hits

ROMA, martedì, 6 febbraio 2007 (ZENIT.org).- La Pontificia Università “Antonianum” di Roma ha conferito, in occasione della festa dell’Università e del Gran Cancelliere, la laurea honoris causa in Teologia a p. Cesare Cenci, OFM, docente di Codicologia.



Hanno partecipato tra gli altri all’atto accademico, come ricorda un comunicato stampa, il Vicario della Provincia Veneta di S. Antonio di Padova (Venezia), p. Vittorio Bellè, Definitori Generali dell’Ordine francescano, decani e professori dell’“Antonianum”, rappresentanti delle università ecclesiastiche romane e dell’Istituto Storico dei Cappuccini e membri del Collegio “S. Bonaventura” dei PP. Editori di Grottaferrata.

Il Segretario Generale dell’“Antonianum”, p. Marek Wach, OFM, ha ricordato le tre principali virtù di p. Cenci, si legge nel testo: “la fedeltà assidua allo studio, la serietà della competenza che richiede disciplina e la passione per la ricerca scientifica, uno stile di vita che gli ha consentito di coniugare la vocazione della minoritas francescana con quella del ricercatore erudito”.

Il Rettore, p. Johannes B. Freyer, OFM, “ha riferito le partecipazioni e le felicitazioni ricevute, tramite l’invio di telegrammi, fax ed e-mail, da esponenti del mondo accademico nazionale ed internazionale, in particolare specialisti nel settore del francescanesimo, dalla Società Internazionale di Studi Francescani e dalla Conferenza mondiale dei Rettori delle Università francescane”, che si sono incontrati a Denver (Stati Uniti) nella settimana prima della cerimonia di consegna del riconoscimento accademico a p. Cenci.

P. Cesare Cenci è nato a Costalunga di Monteforte d’Alpone (Verona) il 5 gennaio 1925. Nel 1936 è entrato nell’ordine francescano nel Collegio Serafico di Chiampo (Vicenza). Ha emesso la professione solenne il 25 marzo 1947 ed è stato ordinato sacerdote il 26 giugno 1949.

Chiese di partire missionario per l’America centrale (in Guatemala e San Salvador), ma i suoi superiori lo inviarono a studiare Teologia morale presso il Pontificio Ateneo “Antonianum” di Roma (1950-1954).

Fu quindi incaricato dell’insegnamento di Teologia morale nello studentato teologico di Motta di Livenza (1954-1957) e presso lo studio teologico “S. Bernardino” di Verona, dal 1957 al 1959, anno in cui venne aggregato ai PP. Editori del Collegio “San Bonaventura” di Quaracchi (Firenze), che, all’epoca, si occupavano dell’edizione critica dell’opera omnia di San Bernardino da Siena.

“In seguito al trasferimento dei PP. Editori francescani a Grottaferrata (1971) – prosegue il comunicato –, l’attività di P. Cenci si è sviluppata all’interno di due indirizzi paralleli: lo studio dei Registri pontifici” e “dal 1989, l’insegnamento di Codicologia presso il Pontificio Ateneo “Antonianum” (dal 2005 Università)”.

Ha conseguito un “autorevole apprezzamento nel mondo scientifico internazionale per la qualità dei contributi resi disponibili ed utile profitto per gli studenti, che hanno seguito i suoi corsi e tentato di ricalcarne le orme di studioso”.

Il Ministro Generale dell’Ordine francescano, p. José Rodríguez Carballo, ha definito il conferimento della laurea honoris causa “un atto di eccezionale rilevanza accademica, che intende riconoscere e premiare il contributo di un grande uomo di scienza”.

L’infaticabile lavoro di P. Cenci “ha gettato nuova luce sulla storia dell’Ordine dei Frati Minori e, più in generale, del movimento francescano, facendo uscire il francescanesimo dalle pastoie di tanti luoghi comuni – ha affermato –. Siamo potuti così tornare ad una verità del francescanesimo meno poetica, meno oleografica, ma di certo più aderente alla realtà”.

P. Rodríguez Carballo ha evidenziato le due qualità principali di p. Cenci: “la povertà francescana e la ricerca della verità, entrambe fondate sulla determinazione affettiva di rimanere sempre umile”.

“P. Cenci – ha detto – ha fornito, soprattutto, un esempio di disciplina: la vita dello studioso porta frutti nella misura in cui si accettano il sacrificio e la fatica. Sono valori ed aspetti dei quali si parla poco nella società odierna, che non sono di moda, ma che continuano ad essere imprescindibili per la riuscita di un lavoro serio”; “non è un caso che rappresentino una dimensione centrale nella tradizione biblico-sapienziale”.

Il Ministro Generale ha quindi letto il testo integrale della pergamena dottorale. L’atto accademico è proseguito con la lectio magistralis di p. Cenci, in cui questi ha delineato i criteri che sovrintendono alla nuova edizione delle “Costituzioni Generali dell’Ordine dei Frati Minori” (sec. XIII), iniziativa intrapresa dal Definitorio Generale dell’Ordine il 9 luglio 2004 di cui p. Cenci è stato esecutore.

P. Cenci è autore di circa cento pubblicazioni, dedicate, in particolare, a conventi, monasteri, biblioteche, manoscritti e persone appartenenti ai tre Ordini francescani, di area italiana.