Le 1.107 parrocchie di Milano in preghiera domani per i cristiani perseguitati in Iraq

Questa sera l'incontro al Museo del Duomo del cardinale Scola con i rappresentanti delle altre religioni. Avviata anche una raccolta fondi della Caritas ambrosiana

Milano, (Zenit.org) Redazione | 253 hits

“La situazione dipersecuzione in cui nel nord dell’Iraq vivono i cristianie non solo, domanda a ciascuno di noi di giocare la propria libertà, passandodal disinteresse alla presa in carico della loro situazione, per giungere fino ad un effettivo impegno personale e comunitario con le nostre quotidiane responsabilità”.

Sono tre le iniziative in programma per dare sostanza a questo appello dell’arcivescovo di Milano cardinale Angelo Scola che chiede “di pregare per la pace il 15 agosto, la disponibilità all'aiuto concreto” e rivolgendosi a tutte le donne e gli uomini delle religioni di fare “sentire la propria voce in difesa dei cristiani e delle minoranze religiose perseguitate”.

Domani, 15 agosto, la Diocesi ambrosiana promuove la Giornata di preghiera per i cristiani vittime di persecuzione indetta a livello nazionale, con il titolo “Non possiamo tacere”, dalla Conferenza Episcopale Italiana.

Durante tutte le messe i preti delle 1.107 parrocchie della Diocesi di Milano inviteranno a pregare per la difficile situazione che vivono i cristiani in molti Paesi del mondo. Un particolare formulario per la messa è stato mandato a tutte le parrocchie e durante la celebrazione ogni famiglia verrà invitata alla recita del Rosario a casa propria. 

All’iniziativa, proposta nella festa dell’Assunzione della beata Vergine Maria hanno inoltre aderito in modo particolare i principali santuari mariani della Diocesi (solo per citare i principali: Beata Vergine dei Miracoli a Saronno, Santa Maria del Monte a Varese, Madonna del Bosco a Imbersago, Beata Vergine Addolorata a Rho) che proporranno la recita comunitaria del Rosario e particolari momenti di preghiera.

Questa sera alle 19 si terrà invece l’incontro di riflessione con cristiani, ebrei e musulmani nella Sala delle Colonne del Museo del Duomo. L’appuntamento èorganizzato dallaScuola della Cattedrale di Milano e dal Tribunale Rabbinico del Centro Nord Italia.

La serata è moderata da mons. Gianantonio Borgonovo, arciprete del Duomo e prevede la testimonianza di don Georges Jahola, nato a Qaraqosh (Niniveh), prete della diocesi di Mosul (Chiesa Siro-Cattolica). Interverranno poi: in rappresentanza dellaComunità Ebraica, il prof. rav GiuseppeLaras, presidente del Tribunale Rabbinico del Centro Nord Italia, già rabbino capo della Comunità Ebraica di Milano; e il prof. DavidMeghnagi, docente di Psicologia Clinica presso l’Università di Roma Tre. A rappresentare laDiocesi di Milano, ci sarà invece mons. MarioDelpini, vicario generale, e mons. LucaBressan, vicario episcopale per la cultura, la carità, la missione e l’azione sociale. Prenderanno la parola anche alcuniesponenti delle comunità islamichepresenti a Milano.

La terza iniziativa è infine quella lanciata dalla Caritas Ambrosiana che ha avviato una raccolta fondi per aiutare i profughi di fede cristiana e della minoranza etnica Yazidi che nel nord dell’Iraq hanno perso la casa e ogni bene perchè messi in fuga dal terrore e dalla morte seminati dall’avanzata delle milizie radicali dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIS).

La situazione è precipitata nei giorni scorsi dopo che la città di Qaraqosh popolata in larga parte dalla popolazione di fede cristiana, è caduta nelle mani degli estremisti causando un esodo di massa verso Erbil, Dhuok e Sulaymanya, città in cui la situazione è già compromessa dalla scarsità di viveri, medicinali e luoghi di accoglienza.

I fondi raccolti da Caritas Ambrosiana saranno inviati direttamente a Caritas Iraq che già sta assistendo nel nord dell’Iraq e in tutto il Paese circa 1 milione e mezzo di profughi.

*** 

E’ possibile donare (specificando la causale EMERGENZA IRAQ 2014):

- online dal sito www.caritasambrosiana.it

- con Conto Corrente Postale

n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S.Bernardino 4 - 20122 Milano.

- con Conto Corrente Bancario

presso il Credito Valtellinese, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT17Y0521601631000000000578

presso la Banca Popolare di Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT51S0558401600000000064700

presso Banca Prossima, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT97Q0335901600100000000348

Le offerte sono detraibili fiscalmente.