Le Parole del Presidente Bush al Santo Padre

| 228 hits

CITTA’ DEL VATICANO, venerdì, 4 giugno 2004 (ZENIT.org).- Al termine del discorso del Santo Padre, il Presidente degli Stati Uniti d’America, George W. Bush, ha rivolto a Giovanni Paolo II le seguenti parole:



* * *


Sua Santità, la ringrazio molto per aver ricevuto Laura e me, e la nostra Delegazione.

Le porto il saluto del nostro Paese, dove lei è rispettato, ammirato e molto amato. Le porto anche un messaggio da parte del mio Governo, il quale afferma che lavoreremo per la libertà e la dignità umana, al fine di diffondere la pace e la comprensione; che apprezziamo il forte simbolo di libertà che lei rappresenta e che riconosciamo la forza della libertà per cambiare le società e per cambiare il mondo.

Siamo, quindi, onorati di essere qui. Forse il modo migliore per esprimerle la gratitudine del mio Paese e il nostro rispetto, è di farle dono della Medaglia della Libertà da parte dell’America e, se mi consente vorrei leggere le parole incise su questa onorificenza.

Devoto servo di Dio, Sua Santità Papa Giovanni Paolo II, ha difeso la causa dei poveri, dei deboli, degli affamati e degli emarginati.

Egli ha difeso la straordinaria dignità di ogni vita e la bontà della vita stessa.

Attraverso la sua fede e la sua convinzione morale egli ha dato coraggio agli altri per “non temere” nel vincere l’ingiustizia e l’oppressione.

La sua posizione di principio a favore della pace e della libertà ha ispirato milioni di persone e ha contribuito a far crollare comunismo e dittature.

Gli Stati Uniti rendono onore a questo figlio della Polonia che è diventato Vescovo di Roma e un eroe del nostro tempo.