Le radici bibliche del rock di Bruce Springsteen

Giovedi 3 aprile, alle 19, appuntamento al Centro Giovanile GP2 di Roma, con lo scrittore Andrea Monda e il musicista Antonio Zirilli

Roma, (Zenit.org) Redazione | 399 hits

Giovedi 3 aprile, alle 19, i giovani della Capitale sono invitati al Centro Giovanile GP2 di Roma per riscoprire la musica e le canzoni di Bruce Springsteen e le radici bibliche che hanno dato vita alle opere del "Boss". L’evento di musica ed evangelizzazione è organizzato da Alberto Di Giglio in collaborazione del Circolo Acli GP2, ed avrà come animatori della serata Andrea Monda, insegnante, scrittore e saggista, accompagnato dal musicista Antonio Zirilli.

I due hanno già presentato con grande successo il concerto presso la Pontificia Università Gregoriana e in altre parti d’Italia con il Festival del Cinema della scorsa estate "Sotto il Cielo di Todi". Giovedì sera eseguiranno dal vivo alcuni brani di Bruce Springsteen, e parleranno dell'immaginario biblico nella sua musica e, in generale, nel rock americano.

Bruce Springsteen è una delle rockstar più famose al mondo. Da quasi 40 anni la sua musica, epica ed energica, lo ha reso un'icona del rock di cui incarna lo spirito di rabbia e speranza, vitalità e ricerca. Nato da una famiglia italo-irlandese, "the Boss" è l'espressione del sogno americano della frontiera, di chi, radicato fortemente nelle proprie radici, cerca sempre un "al di là", di andare sempre "oltre il confine", in un percorso sempre in bilico tra le "badlands" e la "promise land".

Il cammino di Springsteen è segnato da una ricerca interiore, morale e spirituale, che possa portare l'uomo ad una maggiore dimensione di autenticità e dignità, così come la carica vitale della sua musica (e dei suoi concerti dal vivo) hanno trasmesso una carica positiva a intere generazioni di amanti del rock e folk americano.

“I pray for the faith, Lord. We pray for your love, Lord. We pray for the lost, Lord. We pray for this world, Lord. We pray for the strength, Lord”, recita Springsteen nella sua My City of Ruins. "Non sono un ragazzo, sono un uomo, e credo nella Terra Promessa", dice in The Promised Land. E in Hungry Heart afferma:"Tutti hanno un cuore affamato, tutti hanno bisogno di un posto dove riposare".

*

Per partecipare alla serata è necessario prenotare via email: info@gpdue.it 

Oppure telefonare ai  numeri: 06.92084337- 348.7754730

Sede dell’incontro: Vicolo del Grottino (traversa di via del Corso)