Le "Sentinelle del Mattino" in Spagna

Il progetto italiano ha partecipato al Congresso Nazionale della Pastorale giovanile a Valencia

| 943 hits

VERONA, martedì, 6 novembre 2012 (ZENIT.org) – "Sentinelle del Mattino" è sbarcato in Spagna invitato al Congreso Nacional de la Pastoral Juvenil 2012 dedicato alla Nuova Evangelizzazione, che si è tenuto dal 1° al 4 novembre a Valencia.

Uno solo intervento straniero era in programma, ed era italiano. Si è trattato, appunto, di quello di Don Andrea Brugnoli, responsabile del progetto “Sentinelle del Mattino”, nato 13 anni fa nella Diocesi di Verona, che ha raccolto l’invito a quello che rappresenta il principale appuntamento per i giovani cristiani spagnoli dopo l’ultima Giornata Mondiale della Gioventù.

Con un intervento su Il primo atto della fede Don Brugnoli ha parlato, ad oltre 3.000 tra delegati, parroci, curati e giovani, di vision e mission del progetto "Sentinelle del Mattino": formare nuovi evangelizzatori in grado di portare la propria esperienza di Gesù nella quotidianità della scuola, posto di lavoro o punti di ritrovo.

Una intesa forte, quella che si è creata tra la Chiesa spagnola e Sentinelle del Mattino, che è nata il maggio scorso quando alcuni giovani catalani, di Barcellona, sono entrati in contatto con il progetto e se ne sono appassionati. Da quel momento a Barcellona si sono svolte due serate di primo annuncio (Una Luce nella Notte) nelle vie e piazze della capitale della movida spagnola.

Evento clou del Congresso spagnolo è stato proprio "Una Luce nella Notte a Valencia" sabato 3 novembre. Oltre 150 sentinelle sono scese nella piazze della città per annunciare la propria esperienza e invitare tanti altri giovani ad un incontro speciale e personale con Gesù nella Chiesa centrale di San Nicola che per l’occasione è stata aperta tutta la notte.

Oggi il progetto Sentinelle del Mattino conta 27 fiaccole in Italia, coinvolgendo migliaia di giovani, 21 Diocesi attive e un centro di formazione alla Nuova Evangelizzazione. Negli ultimi anni sono nate fiaccole anche all’estero: in Spagna e in Francia, ma si lavora anche per la Germania, il Brasile e persino Taiwan.