Leader cattolici finanziano la ricerca sulle staminali adulte

Presidenti delle Conferenze Episcopali del Regno Unito

| 1138 hits

LONDRA, martedì, 20 maggio 2008 (ZENIT.org).- I presidenti delle Conferenze Episcopali cattoliche di Inghilterra e Galles, Scozia e Irlanda hanno annunciato un finanziamento di 25.000 sterline, derivante da una speciale raccolta per la Giornata per la Vita, per sostenere la ricerca sulle cellule staminali adulte nel Regno Unito.

La donazione è stata elargita a Novussanguis, un consorzio internazionale di ricerca sul sangue del cordone ombelicale e sulle cellule staminali adulte a scopi terapeutici lanciato a Parigi il 14 maggio 2008.

"Sosteniamo la ricerca scientifica che cerca di curare malattie e sofferenze", affermano i presidenti in una dichiarazione firmata dal Cardinale Sean Brady, Arcivescovo di Armagh e presidente della Conferenza Episcopale d'Irlanda, dal Cardinale Cormac Murphy-O'Connor, Arcivescovo di Westminster e presidente della Conferenza Episcopale di Inghilterra e Galles, e dal Cardinale Keith Patrick O'Brien, Arcivescovo di St Andrews ed Edimburgo, presidente della Conferenza Episcopale di Scozia.

"Il disegno di legge sulla Fertilità Umana e l'Embriologia (HFE) si è concentrato sulla ricerca sulle cellule staminali embrionali - osservano -. Nelle terapie cliniche, in realtà, molti più progressi sono stati già compiuti usando cellule staminali adulte".

"Altre tecniche emergenti hanno un grande potenziale, senza creare e distruggere embrioni umani - sottolineano -. Stiamo elargendo questa donazione come segno dell'impegno della Chiesa per la scienza e il bene comune".

I presidenti delle Conferenze Episcopali hanno anche lodato l'incontro svoltosi venerdì scorso con alcuni scienziati ed esperti di etica, che ha mostrato "la necessità di un dialogo continuato".

Il meeting, avvertono, "ha rafforzato l'idea che ci siano domande profonde sia sull'efficacia scientifica delle tecniche proposte che sulla loro giustificazione etica".

In particolare, i Cardinali pongono questi interrogativi: "quali considerazioni etiche dovrebbero limitare la ricerca biomedica? Il Governo dovrebbe compiere il passo drammatico di legalizzare la ricerca sui cibridi o embrioni ibridi quando stanno emergendo nuove tecniche che renderebbero superfluo l'utilizzo di questi ibridi nella ricerca? Fino a che punto il Regno Unito rischia di trascurare terapie più promettenti concentrandosi troppo sulla ricerca sulle cellule staminali embrionali?".

Secondo i porporati, "non è stato dedicato abbastanza tempo alla discussione di questi argomenti", che "richiedono risposte prima e non dopo la legislazione".

La Giornata per la Vita i cui proventi sono stati donati per la ricerca è il giorno che la Chiesa dedica annualmente alla celebrazione della sacralità della vita umana dal concepimento alla morte naturale. E' un progetto congiunto tra le Conferenze Episcopali di Inghilterra e Galles, Scozia e Irlanda.

Ogni anno viene scelto un tema diverso. Quello del 2008 è relativo alla salute mentale; si esorta dunque ad aumentare la consapevolezza delle necessità di quanti sono affetti da malattie mentali.

La Giornata per la Vita si celebra in Scozia il 31 maggio, in Inghilterra e Galles il 6 luglio e in Irlanda il 5 ottobre.

Le cellule del sangue del cordone ombelicale e le staminali adulte sono molto promettenti per la ricerca nella terapia cellulare e nella medicina rigenerativa grazie al loro notevole potenziale di differenziazione ed espansione.

Attualmente, le malattie curabili con le cellule del cordone ombelicale sono più di 80.