Legionari di Cristo: concluso il Capitolo Generale

La congregazione attende ora l'approvazione delle nuove Costituzioni da parte del Papa

Roma, (Zenit.org) Luca Marcolivio | 306 hits

La Legione di Cristo ha concluso il suo Capitolo Generale straordinario con una solenne messa presso il Centro Studi Superiori della Congregazione. La celebrazione liturgica è stata presieduta dal cardinale Velasio De Paolis, accompagnato dal nuovo governo della Legione, i padri capitolari, i Legionari di Cristo e gli amici più stretti della congregazione.

La conclusione del Capitolo segna la tappa finale del processo di rinnovamento richiesto dalla Santa Sede e un nuovo inizio per la Legione di Cristo. Nella sua omelia, il cardinale De Paolis ha parlato di un “futuro pieno di speranza, invitando i Legionari a riprendere con gioia il cammino. Non stancatevi di operare il bene per il Regno di Cristo”, ha detto il porporato.

Il Capitolo Generale ha avuto come principali obiettivi, l’elaborazione delle nuove Costituzioni e l’elezione di un nuovo Consiglio generale e di un nuovo direttore generale. Prossimamente la congregazione pubblicherà i documenti finali con gli obiettivi per i prossimi sei anni. Una volta recepita l’approvazione della Santa Sede, saranno rese note le nuove Costituzioni.

Nella sua omelia, De Paolis ha affermato che i Legionari “si sono posti in modo nuovo, generoso e coraggioso di fronte al mistero di Cristo nella loro vita” e “hanno sperimentato in modo nuovo la gioia di appartenere a Cristo e di annunciarlo con tutte le loro forze al mondo; con tutta la loro vita”.

Il Delegato Pontificio, che ha accompagnato la Legione di Cristo durante questi tre anni di rinnovamento, ha affermato che “i Legionari si ritrovano così nel cuore del mondo e della Chiesa per instaurare tutte le cose in Cristo; lavorare insieme ai fratelli laici e ai fratelli e sorelle consacrati nel Regnum Christi” e che questo processo è stato “un ampio esame di coscienza che ha percorso in profondità la vita della Legione,  impegnandola per un futuro pieno di  speranza”.

Nella lettera finale i 61 padri capitolari hanno anch’essi affermato che “il Capitolo Generale è stato un passo importante nel cammino di rinnovamento che abbiamo assunto dalla mano del Delegato Pontificio per mandato del papa Benedetto XVI e che abbiamo fatto nostro”. I padri capitolari aggiungono che “concluso il Capitolo, il nostro cammino di servizio al Regno di Cristo proseguirà con rinnovato entusiasmo evangelizzatore”.

Nella missiva sono elencati gli obiettivi ottenuti nei due mesi di lavoro, iniziati l’8 gennaio scorso. Il Capitolo Generale ha realizzato gli obiettivi prefissati e indicati dalla Santa Sede: affrontare il passato con decisione, scegliere il nuovo governo, elaborare le nuove Costituzioni e definire i principali obiettivi per i prossimi sei anni.

In primo luogo il Capitolo Generale Straordinario, che rappresenta tutti i Legionari, si è espresso lo scorso 6 febbraio in un messaggio sul fondatore, Marcial Maciel, in cui si chiedeva perdono a tutte le persone abusate da quest’ultimo, e si mettevano in luce i progressi nel cammino di rinnovamento. “Abbiamo chiesto perdono a Dio e a quanti hanno sofferto per questi fatti e rinnoviamo il nostro impegno a fare in modo che non si ripetano in futuro”, affermano i padri capitolari.

In secondo luogo, il Capitolo Generale ha eletto il nuovo Consiglio Generale: “Ringraziamo papa Francesco che ha voluto confermare le elezioni fatte dal Capitolo e nominare due membri del Consiglio”, riconosce il Capitolo.

In terzo luogo si è conclusa la stesura delle nuove Costituzioni, alla cui elaborazione hanno preso parte tutti i Legionari del mondo: “Sono il documento più importante del Capitolo Generale ed esprimono il carisma della congregazione”, spiega il portavoce internazionale della Legione, padre Benjamin Clariond. “Saranno consegnate a papa Francesco e, una volta ricevuta la sua approvazione, saranno rese pubbliche. Nei prossimi giorni saranno consegnate ai Legionari di Cristo, per uno studio e un approfondimento, tuttavia entreranno in vigore solo quando saranno approvate”, puntualizza padre Clariond.

La Legione di Cristo ha infine effettuato una analisi delle sfide per il futuro immediato, e ha dato indicazioni al nuovo Consiglio Generale sugli obiettivi principali per i prossimi sei anni. I documenti del Capitolo – oltre alle Costituzioni – stabiliscono quindi le priorità delle nuova tappa che inizia la congregazione e saranno pubblicate entro questa settimana sul sito web ufficiale del Capitolo.

In tal senso, il Capitolo Generale ha approvato otto documenti su alcuni temi fondamentali: l’identità carismatica della Legione di Cristo e del Regnum Christi, gli orientamenti sulla formazione legionaria, il governo della Legione, l’amministrazione, la povertà, il rinnovamento apostolico, la vita fraterna comune, la vita liturgica e gli atti di pietà.

I padri capitolari hanno spiegato che questi documenti “ci daranno le linee guida e i principi che ci orienteranno nel vivere la nostra vocazione”. Esortano poi tutti i Legionari a trovare tali principi “nelle specifiche circostanze della loro vita per il bene degli uomini e della Chiesa, con molto realismo e fiducia nella grazia di Dio, con un cuore e una mente rinnovati”.

***

[Leggi omelia del cardinale Velasio De Paolis: http://www.zenit.org/it/articles/i-legionari-di-cristo-si-sono-riconciliati-con-se-stessi-e-con-la-loro-storia]