"Little Dreams": per dare speranza ai sogni dei bambini siriani

Inaugurata ieri, a Damasco, la mostra che raccoglie disegni e dipinti delle piccole vittime del conflitto in Siria, promossa dall'associazione Sos Villaggi dei Bambini

Roma, (Zenit.org) Redazione | 210 hits

Si intitola "Little Dreams" la mostra inaugurata ieri 10 maggio a Damasco che raccoglie dipinti e disegni realizzati dai bambini siriani, molti dei quali sfollati, che frequentano lo "Spazio Sos a Misura bambino" dell'associazione Sos Villaggi dei Bambini in Siria. La mostra - riferisce un comunicato - sarà visibile fino al 14 maggio presso la Cittadella di Damasco, nella Sala Al Arsh. Obiettivo dell'esposizione - promossa dal Ministro degli affari sociali, in collaborazione con l'associazione Sos e il Ministro della Cultura - è dare un forte messaggio di speranza ai piccoli e grandi sogni dei bambini siriani coinvolti nel conflitto. 

Sono circa 2 milion, infatti, i bambini vittime della guerra, della violenza, dello sfruttamento dall'inizio della crisi nel Paese. Molti hanno assistito alla morte dei loro genitori, dei loro amici, dei compagni di scuola, hanno visto le loro case e quartieri distrutti e la loro vita è cambiata radicalmente.

Sos Villaggi dei Bambini in Siria ha iniziato a lavorare con le associazioni locali per aprire “Spazi Sos a Misura Bambino”, volti ad aiutare i bambini ad affrontare lo stress, elaborare i traumi subiti, per poter ritornare ad una vita normale. Gli "Spazi", rivolti a 1.138 bambini di età compresa tra i 5 e i 15 anni, accoglie attualmente sempre più famiglie bisognose di aiuto. Ogni sabato circa 60 bambini di varie fasce d'età del villaggio di Qudsaya, vicino a Damasco, visitano il Centro e partecipano con gli altri bambini a tutte le attività. 20 sono i volontari formati per accompagnare i bambini in tutte le attività (dalla narrazione al disegno, dal cinema alla lettura).

Da febbraio è attivo un programma di sostegno psico-sociale che prevede anche un percorso speciale per 23 bambini sfollati (14 ragazze e nove ragazzi) di età inferiore ai 18 anni, provenienti da diverse parti della Siria.A dicembre è stato avviato poi il progetto “Inverno” per sostenere le famiglie colpite dal freddo, grazie al quale sono stati distribuiti più di 500 kit alle famiglie di Damasco e nelle zone rurali più colpite.

Dall’avvio del Programma di emergenza, Sos Villaggi dei Bambini ha aiutato quasi 80.000 persone, donando kit igienici a 2.000 famiglie nella zona rurale di Damasco e nella città di Raqqa e consegnando latte per neonati, vestiti e giocattoli a 8.000 bambini. Forniti anche pacchi alimentari a oltre 60.000 persone e consegnati kit scolastici a 16.000 bambini, contribuendo anche alla loro registrazione a scuola. Sos Villaggi dei Bambini in Siria sta continuando ad accogliere i bambini rimasti orfani a causa del conflitto.